prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Guida a misura di famiglia

agosto 1, 2003 12:00 pm

Bastano piccoli accorgimenti per rendere più sicuri viaggi e spostamenti a bordo della nostra automobile La sicurezza in auto passa, prima di ogni altra cosa, per il rispetto delle regole. Il meccanismo della patente a punti è stato pensato proprio per costringerci a non dimenticarcelo mai. Ma spesso la sicurezza in auto è anche una…

Bastano piccoli accorgimenti per rendere più sicuri viaggi e spostamenti a bordo della nostra automobile

La sicurezza in auto passa, prima di ogni altra cosa, per il rispetto delle regole. Il meccanismo della patente a punti è stato pensato proprio per costringerci a non dimenticarcelo mai. Ma spesso la sicurezza in auto è anche una questione di particolari. Gli incidenti stradali sono ancora numerosi e troppo spesso, andando a considerarne le cause, ci si accorge come siano dovuti a piccole negligenze nell’utilizzo dei singoli dispositivi dell’automobile o siano figli di abitudini scorrette. Di seguito alcuni consigli pratici per evitare di commettere gli errori più comuni.

Per quanto riguarda ad esempio, la posizione di guida, la regola di base è quella di tenere le spalle perfettamente appoggiate allo schienale e di distendere le braccia sino a toccare con i polsi la parte superiore del volante. E’ da questa posizione di partenza che si devono valutare tutte le altre distanze all’interno dell’abitacolo.

Riguardo ai pedali, la posizione ottimale va regolata in base alla lunghezza delle gambe e all’angolo che i piedi formano con i pedali: premete a fondo la frizione e spostate il sedile sino a quando la coscia tocca, ma non preme, contro il sedile. Confermate questa posizione anche con il piede destro: premete l’acceleratore e poi passate (tenendo il tacco ben appoggiato al pavimento) al freno. Badate che il piede non formi con la caviglia un angolo inferiore ai 90°.

Il poggiatesta costituisce uno dei più importanti componenti dedicati alla sicurezza e andrebbe regolato meglio di come avviene di solito. A tal proposito sfatiamo volentieri un “falso mito”: per evitare conseguenze da un eventuale urto, non basta che il poggiatesta sia all’altezza della nuca, bensì il suo punto più alto deve trovarsi sopra (di 2-5 centimetri) la sommità del capo e la distanza nuca-poggiatesta non deve superare i 5-8 centimetri.

Molto importante è poi la regolazione accurata degli specchietti retrovisori per avere tempi di reazione sufficienti a prevenire pericoli provenienti dal retro dell’auto. Innanzitutto, gli specchietti presenti su un’auto sono generalmente tre ed è buona norma utilizzarli tutti per avere un panorama completo di ciò che accade alle nostre spalle. Prima di mettersi in marcia, i retrovisori vanno regolati di modo che, per guardarli basti girare gli occhi.

Per quanto riguarda le cinture di sicurezza è importante ricordare che allacciarle non solo è obbligatorio per legge, ma è anche un fondamentale accessorio di sicurezza, soprattutto sulle macchine dotate di airbag, perché evita che si venga proiettati troppo velocemente verso il cuscino in apertura. Fondamentale non solo in autostrada, come molte persone ancora ritengono, ma anche in città, dove avvengono la maggior parte degli incidenti. L’allacciatura della cintura di sicurezza deve essere personalizzata in base all’altezza ed alle caratteristiche fisiche per evitare che la cinghia sia troppo alta o bassa, troppo stretta o lenta. A tal proposito è fondamentale utilizzare i dispositivi regolabili che permettono di variare a piacimento tali parametri.

A proposito dell’impugnatura del volante, esistono le più svariate “dottrine” legate alla posizione delle lancette dell’orologio, ma una sola è la modalità giusta: la “nove e un quarto” che è quella che permette di compiere il maggior numero di manovre senza dover spostare le mani ed evita fratture dei polsi in caso di apertura dell’airbag.

Infine, ma non meno importante, l’utilizzo dei freni: quasi tutte le vetture montano ormai l’ABS, che permette di frenare a fondo senza che le ruote si blocchino completamente. Ciò permette di sterzare anche durante l’azione di frenata e di evitare eventuali ostacoli. Sempre a proposito di azione franante ricordiamo due cose: scalare le marce, specie in condizioni climatiche avverse costituisce un’ottima e sicura alternativa e complemento ai freni; quando si usa il pedale del freno, bisogna assolutamente evitare di premere contemporaneamente il pedale della frizione (mal costume diffusissimo), perché così facendo si annulla sensibilmente l’azione frenante allungando lo spazio necessario alla fermata.

In Rete
Il Centro Internazionale Guida Sicura

 

Enrico Massi

- -



Advertising