prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Gli acquisti on line

novembre 14, 2005 12:00 pm

Possono essere una strada per il risparmio, ma i rischi non mancano: piccolo guida per evitare le trappole. Ultima tappa del nostro viaggio in difesa del bilancio familiare. Questa volta i suggerimenti su come risparmiare riguardano gli acquisti on-line: una pratica non ancora molto diffusa, ma in costante crescita che può rappresentare una alternativa economicamente…

Possono essere una strada per il risparmio, ma i rischi non mancano: piccolo guida per evitare le trappole.

Ultima tappa del nostro viaggio in difesa del bilancio familiare. Questa volta i suggerimenti su come risparmiare riguardano gli acquisti on-line: una pratica non ancora molto diffusa, ma in costante crescita che può rappresentare una alternativa economicamente interessante allo shopping tradizionale. Ai vantaggi dell’e-commerce corrispondono però altrettanti rischi di cui è necessario tener conto. Riassumiamo allora, per non incorrere in spiacevoli sorprese, un piccolo vademecum realizzato dal Movimento Difesa del Cittadino tenendo presente i consigli stilasti nei mesi scorsi dalla Commissione Europea.

Da chi acquistare
Innanzitutto è importante conoscere il venditore e sapere in che modo raggiungerlo, per esempio tramite e-mail o prendendo nota dell’indirizzo e del telefono, per poterlo contattare se c’è un problema con il prodotto o con il servizio che stiamo comprando. Assicuriamoci, poi, di sapere cosa stiamo comperando guardando le fotografie, l’elenco dei contenuti, le misure o qualunque altra informazione fornita dal venditore. Controlliamo se abbiamo capito bene come funziona il prodotto o il servizio e se non siamo sicuri chiediamo ulteriori informazioni. E’ di fondamentale importanza leggere attentamente le condizioni di vendita della ditta.

Prezzo e pagamento
Il prezzo dovrebbe essere indicato chiaramente, ma controlliamo se esistono altri costi legati al cambio, alle tasse, all’assicurazione, all’imballaggio o alla spedizione. Controlliamo anche l’entità delle spese di spedizione in caso di restituzione e se saranno a nostro carico. E’ necessario porre particolare attenzione alle modalità di pagamento controllando sempre le possibilità che ci vengono fornite. Anche nell’ambito della zona euro effettuare un pagamento bancario transfrontaliero può rivelarsi costoso. Le carte di credito sono un mezzo di pagamento meno dispendioso, ma in questo caso è necessario controllare sempre di essere su un sito protetto (verifichiamo se c’è il simbolo lucchetto nel nostro browser).

Controlliamo le date di consegna
Ricordiamoci che, se le merci sono inviate da un altro Stato membro dell’UE, possono aver bisogno di un termine di consegna più lungo. E’ necessario allora chiedere al venditore quanto tempo ci vorrà per la consegna e stabilire una data precisa.

Attenzione ai costi in caso di annullamento
Da non dimenticare la possibilità che, se acquistiamo qualcosa “a distanza” – per telefono, per internet o attraverso il sistema postale – , abbiamo dieci giorni lavorativi di tempo dalla data della consegna per cambiare eventualmente idea. Si tratta di un diritto previsto dalle norme comunitarie. Quando il venditore è stato informato per iscritto o tramite e-mail che desideriamo annullare l’ordine, avremo diritto ad un rimborso. Tuttavia, normalmente, non si ha il diritto di annullare gli ordini per quanto riguarda merci deperibili come cibo, oppure CD privi della confezione originale, video o software per il computer.
E’ importante controllare se l’acquisto prevede una garanzia o un servizio ai clienti, in che cosa consiste e per quanto tempo è valida. Secondo le norme comunitarie abbiamo almeno due anni per segnalare eventuali difetti di fabbricazione presenti al momento dell’acquisto del prodotto Conserviamo sempre tutte le ricevute o qualunque altro documento che ci viene dato al momento dell’acquisto e stampiamo o facciamo una copia dell’ordine e delle condizioni di vendita che compaiono sul sito web. Conserviamo le copie di qualunque tipo di corrispondenza che ha avuto luogo tra noi e il venditore prendendo nota dei numeri di riferimento che ci vengono dati.

La protezione dei dati personali
Da ricordare che i dati personali possono essere utilizzati normalmente solo dietro nostro consenso. Sarà bene, quindi, informarsi adeguatamente sull’uso che il venditore farà dei nostri dati, se richiesti. Se dovesse sorgere un problema è necessario prendere contatto con il venditore il più presto possibile. Se non si può risolvere direttamente il problema con il venditore, può essere utile informarsi e chiedere aiuto presso il Centro europeo dei consumatori presente in ogni paese membro o alle associazioni dei consumatori italiane.

 

Fulvia Vianello

- -


ARTICOLI CORRELATI