prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

E’ ora di ristrutturare

luglio 3, 2001 12:00 pm

Come ottenere le agevolazioni fiscali previste dalle recenti disposizioni di legge per rinnovare casa Alcune situazioni specifiche permettono a coloro che vogliono sistemare casa di ottenere detrazioni fiscali davvero interessanti. Ecco in breve le agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie dal 1998 al 2001: istituzione di una detrazione d’imposta del 41% ai fini Irpef per le…

Come ottenere le agevolazioni fiscali previste dalle recenti disposizioni di legge per rinnovare casa

Alcune situazioni specifiche permettono a coloro che vogliono sistemare casa di ottenere detrazioni fiscali davvero interessanti. Ecco in breve le agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie dal 1998 al 2001:

  • istituzione di una detrazione d’imposta del 41% ai fini Irpef per le spese sostenute negli anni 1998 e 1999
  • la detrazione Irpef viene riconosciuta anche per le spese sostenute nel 2000 e nel 2001; la misura della detrazione scende al 36% ma in cambio l’aliquota Iva viene ridotta dal 20 al 10 per cento
Dal 2001 viene, inoltre, ampliata la tipologia degli interventi per i quali spetta la detrazione. In particolare conferiscono, ora, diritto alla detrazione anche le spese sostenute per:
  • l’esecuzione di opere finalizzate ad evitare gli infortuni domestici
  • l’esecuzione di opere su ascensori e montacarichi
  • la realizzazione di strumenti tecnologici idonei a favorire la mobilità dei soggetti portatori di handicap
  • l’installazione di impianti finalizzati a prevenire atti illeciti (impianti antifurto, porte blindate, ecc.)

Per quanto riguarda la Sanatoria per le comunicazioni di inizio lavori sono considerate valide le comunicazioni inviate successivamente alla data di inizio dei lavori avviati entro il 30 giugno 2000, purché trasmesse entro il termine di 90
giorni dal loro inizio.

Agevolazioni per l’ICI

I comuni possono fissare aliquote agevolate dell’ICI, anche inferiori al 4 per mille, a favore:

  • dei proprietari che eseguano interventi volti al recupero di unità immobiliari inagibili o inabitabili oppure finalizzati al recupero di immobili di interesse artistico o architettonico nei centri storici o alla realizzazione di posti auto o autorimesse. L’aliquota agevolata è applicata per la durata di tre anni dall’inizio dei lavori
  • per gli immobili affittati con contratto concordato a persone che li utilizzano come abitazione principale

Eventi sismici

Per i territori di Umbria e Marche, colpiti dagli eventi sismici, viene riconosciuto, fino al 31 dicembre 1999, un contributo pari all’ammontare dell’IVA pagata, a titolo di rivalsa, in relazione all’acquisto di beni e servizi per la riparazione o la ricostruzione degli edifici distrutti o danneggiati.

 

Gaetano Franzese

- -


ARTICOLI CORRELATI