prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Parabole tv senza problemi

gennaio 2, 2001 12:00 pm

Spesso l’installazione delle antenne satellitari dà luogo a dispute e litigi: vediamo quali sono le regole Sempre più di frequente capita di scorgere sui tetti e sui balconi delle case italiane le sagome circolari delle antenne paraboliche. Il loro numero è andato aumentando negli ultimi tempi anche grazie agli incentivi fiscali derivanti dalla legge Meccanico…

Spesso l’installazione delle antenne satellitari dà luogo a dispute e litigi: vediamo quali sono le regole

Sempre più di frequente capita di scorgere sui tetti e sui balconi delle case italiane le sagome circolari delle antenne paraboliche. Il loro numero è andato aumentando negli ultimi tempi anche grazie agli incentivi fiscali derivanti dalla legge Meccanico del 1997, in unione alle più recenti disposizioni sugli incentivi per le ristrutturazioni immobiliari, comprendenti anche l’installazione e il rinnovo degli impianti centralizzati.
Ma non sempre la sistemazione delle parabole avviene nella collaborazione e nella concordia fra condomini o vicini di casa: spesso si accendono dispute e liti che qualche volta si trascinano per molto tempo, creando rancori e inimicizie. Ma quali sono le indicazioni della normativa in materia?
Per impiantare una parabola non servono particolari permessi da parte del condominio, in quanto l’unico adempimento per usufruire di tale antenna è quella di pagare regolarmente il canone tv. La parabola può essere montata anche quando già esiste un sistema centralizzato, purchè i propri cavi non ostacolino l’uso di altri beni da parte altrui.
Qualora, come a volte accade, l’assemblea condominiale deliberi contro la sistemazione di una parabola privata sulla base di regolamenti interni, tale delibera può essere impugnata, in quanto illegittima, tramite ricorso d’urgenza al magistrato competente.
Anche l’inquilino in affitto può montare la sua antenna previa richiesta inviata per raccomandata con ricevuta di ritorno al proprietario dell’appartamento, che deve esprimere parere favorevole.
Come accennato in precedenza, sono previsti degli sgravi fiscali per quei condomini che puntano all’antenna unica ma seconda delle situazioni di partenza, sono previste maggioranze diverse per la decisione in seno alle singole assemblee.
Nel caso in cui il palazzo possegga già una vecchia antenna centralizzata che si vuole riciclare come “satellitare”, la delibera deve essere approvata dalla maggioranza dei presenti che debbono rappresentare almeno la metà del valore (in millesimi) dell’edificio.
Nel caso in cui si vuole procedere ex novo all’installazione di un impianto di antenna centralizzata, l’operazione rientra nel capitolo delle migliorie regolate dal codice civile, precisamente all’articolo 1120. In questo caso all’assemblea, già alla prima convocazione, devono partecipare condomini per un valore di due terzi del palazzo. La delibera finale invece, dovrà vedere concorde la maggioranza dei condomini in rappresentanza dei due terzi del valore dell’immobile.

In Rete:
Recensione della guida sulle parabole di Adiconsum
Consulenze gratuite sulle controversie più frequenti

 

Luciano Chicarella

- -



Advertising