prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Chiudere casa prima della partenza per le vacanze

agosto 8, 2017 10:00 am

La prima regola: chiudere acqua e gas. Seconda regola mettere ben a dimora le piante. Terza regola mettere in atto tutti i piccoli accorgimenti per lasciare la casa in sicurezz

Che si parta per qualche giorno o per due – tre settimane, prima delle vacanze è bene spendere poco tempo per mettere la casa in sicurezza, così da non aver brutte sorprese al ritorno e per non essere contattati dai vicini o dal custode per la classica perdita di acqua.

 

La messa in sicurezza

Gli elettrodomestici come tv, impianto stereo, macchina del caffè elettrica, lavatrice andrebbero tutti distaccata dalla rete elettrica, in caso di temporale la corrente continua potrebbe danneggiare l’apparecchio e innescare un corto circuito. Se si stacca il frigorifero con il frezeer, è bene prima vuotarlo da tutti i cibi, lasciarlo scongelare e pulire bene con acqua e aceto. Si deve invece verificare che resti attivo l’impianto di allarme della casa, accertandosi che porte, tapparelle e finestre siano accuratamente chiuse. È necessario chiudere il gas e l’impianto idrico, a meno che non vi sia connesso un sistema di irrigazione automatico del terrazzo o del giardino. Tutti i rubinetti devono essere ben chiusi e i tappi degli scarichi e dei lavabili non devono essere bloccati. In caso di perdita di rischierebbe un allagamento.

 

Piante e piccoli amici di casa

Per innaffiare le piante si deve contare su una persona di assoluta fiducia perché le si dovranno affidare le chiavi. Se questa opportunità non è percorribile, il luogo più adatto per lasciare le piante è la vasca da bagno, è sufficiente riempirla per circa 5 cm. e immergerci i vasi. Se si lasciano a casa animali domestici, solo quelli non trasportabili, come pesci o tartarughe si deve lasciare cibo e istruzioni per il nutrimento e la pulizia dell’acquario o del terrario, in modo che le bestiole abbiano un habitat con acqua pulita e cibo a sufficienza. Gatti, cani, conigli e cavie dovrebbero seguire i padroni: oggi tante strutture accettano animali domestici, gratuitamente o con una piccola aggiunta. Se non è possibile portare le bestiole, esistono eccellenti pensioni per pet, a prezzi accettabili. Oppure si può chiedere a un amico super – fidato di ospitare gli animaletti, fornendo ovviamente cibo e tutte le istruzioni per gestirli. I cani e gatti devono però già essere abituati alla nuova sistemazione, almeno qualche giorno prima.

 

Il cibo e le pulizie

Se si decide di non staccare il frigorifero, questo va comunque liberato dai cibi vicini a scadenza. È meglio lasciare solo cibi ben chiusi, surgelati o sotto vuoto, per evitare che compaiano muffe o cattivi odori. Pasta, riso, biscotti se già aperti vanno richiusi con cura perché non attirino formiche. Prima della partenza infine è consigliabile pulire bene la casa, eliminando briciole e lavando bene pavimenti e sanitari, senza dimenticare di asciugarli. Al ritorno la casa sarà pulita e senza odori.

 

Giorgia Andretti

- -



Advertising