prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Una casa a prova d’incendio

marzo 28, 2003 12:00 pm

Un comportamento avveduto e un po’ di accorgimenti proteggono la vostra abitazione dalle fiamme Un evento tanto repentino quanto rovinoso come un incendio in casa, se non fronteggiato con azioni e comportamenti precisi e tempestivi, può determinare conseguenze irreparabili. Ad una simile e sventurata eventualità occorre far fronte anche attraverso una serie di precauzioni che…

Un comportamento avveduto e un po’ di accorgimenti proteggono la vostra abitazione dalle fiamme

Un evento tanto repentino quanto rovinoso come un incendio in casa, se non fronteggiato con azioni e comportamenti precisi e tempestivi, può determinare conseguenze irreparabili. Ad una simile e sventurata eventualità occorre far fronte anche attraverso una serie di precauzioni che ogni membro della famiglia possa attuare anche autonomamente a salvaguardia dell’incolumità di tutti. Per riferire solo alcune cifre, occorre considerare che, ogni anno, più di 39mila bambini di età inferiore ai 14 anni rimangono feriti per un incendio. Dobbiamo tener presente che i bambini, in questi casi, risultano più vulnerabili degli adulti in quanto il loro fisico è meno preparato a tollerare fumo, esalazioni tossiche e il fuoco.

Una ristrutturazione antincendio
Il rischio di un incendio in casa si previene, innanzitutto, con una serie di accorgimenti da mettere in atto al momento della progettazione dell’abitazione o in occasione di una ristrutturazione. Ecco qualche consiglio.

  • Riducete il carico d’incendio, ovvero il potenziale termico della totalità dei materiali contenuti, compresi i rivestimenti dei muri, delle pareti provvisorie, dei pavimenti e dei soffitti.
  • Scegliete materiali d’arredamento (moquette, tappezzeria, ecc.) poco combustibili.
  • Soprattutto se grande e con sviluppo di piani diversi, dotate la casa di un sistema d’allarme antincendio o, almeno, di un sistema per la segnalazione di fughe di gas.

    Piccole regole di prevenzione
    Esiste poi una disciplina che in ogni casa dovrebbe essere rispettata e che fa riferimento soprattutto al buon senso.
    In cucina

  • Mantenete canovacci e tovaglie lontani da fonti di fuoco e calore eccessivo.
  • Conservate fuori dalla portata dei bambini fiammiferi, accendini, accendifiamma e candeline di compleanno.
  • Pulite regolarmente l’area circostante i fornelli facendo particolare attenzione a rimuovere i residui di grasso, altamente infiammabili.

    In bagno

  • Tenete tutti i piccoli apparecchi elettrici (asciugacapelli, arricciacapelli, rasoio etc.) lontano da asciugamani, carta igienica e giornali per non alimentare un eventuale incendio.
  • Non lasciate mai inserita la spina dopo aver utilizzato qualsiasi apparecchio.
  • Gli strumenti per l’aerosol devono essere conservati a distanza dalle sorgenti di calore.

    In camera da letto

  • Sostituite i materassi troppo vecchi con alcuni di nuova produzione più resistenti al fuoco.
  • Non fumate mai al letto
  • Non addormentatevi con delle candele accese nella stanza.

    In salotto

  • Sistemate eventuali stufe ad almeno mezzo metro dai mobili, dalle tende e dai tappeti.
  • Non fate passare fili elettrici sotto i tappeti e controllare sempre che i candelabri siano stabili e, soprattutto, lontani da mobili e tende.
  • Se avete un caminetto, provvedete a farlo pulire almeno una volta all’anno e mantenete sempre uno schermo ignifugo davanti alla bocca.

    In cantina

  • Non conservate vecchi capi d’abbigliamento o giornali per la loro alta infiammabilità.
  • Evitate di conservare in cantina benzina, gasolio ed olio per auto.
  • Tenete ogni tipo di liquido infiammabile lontano da caldaie o fonti di calore.

    Buone abitudine da non dimenticare
    Si possono quindi elencare alcune “buone abitudini” antincendio che attengono ad un comportamento responsabile

  • Chiudete la valvola del contatore o quella di ingresso nell’appartamento o quella della bombola, quando non si utilizza l’impianto a gas, prima di andare a letto e in caso di periodi d’assenza.
  • Procedete nel seguente ordine quando si accende un fornello del piano di cottura: accendere il fiammifero, accostare il fiammifero acceso al bruciatore e, infine, aprire il rubinetto del gas.
  • Non riempite troppo le pentole e non lasciate cibi sul fuoco quando ci si deve allontanare dalla cucina. Se il liquido in ebollizione dovesse traboccare, infatti, potrebbe causare lo spegnimento della fiamma e avviare una perdita dio gas nell’ambiente.
  • Controllate e pulite le caldaie ogni anno, prima dell’inizio del periodo di riscaldamento.

     

    Luciano Chicarella

    - -



  • Advertising