prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Un Parlamento a misura di bambino

maggio 18, 2010 12:42 pm

Colorato, ricco di notizie, di facile navigazione: oggi Palazzo Montecitorio e la Camera dei Deputati si raggiungono attraverso un sito in rete dedicato ai più giovani. La politica? Può essere divertente, perfino per i giovanissimi, a patto che sia presentata in modo semplice, con un linguaggio chiaro e uno stile accattivante, vicino al mondo dei…

Un Parlamento a misura di bambino

Colorato, ricco di notizie, di facile navigazione: oggi Palazzo Montecitorio e la Camera dei Deputati si raggiungono attraverso un sito in rete dedicato ai più giovani.

La politica? Può essere divertente, perfino per i giovanissimi, a patto che sia presentata in modo semplice, con un linguaggio chiaro e uno stile accattivante, vicino al mondo dei nostri figli. Con questo obiettivo è da poco stato varato on-line Il Parlamento dei bambini, sito curato dalla Camera dei Deputati, per permettere anche ai cittadini più giovani di esplorare Palazzo Montecitorio e il lavoro dei parlamentari, stimolando la loro curiosità e partecipazione in modo divertente e interattivo.

Oggi la legge la faccio io!
Ricco di informazioni e illustrazioni adatte a bambini e ragazzi dagli 8 ai 14 anni, il sito offre ai piccoli internauti notizie su tutto quello che c’è da sapere sull’Aula più famosa d’Italia: che cos’è la Camera dei Deputati, cosa fa e come funziona. Esperienza unica in Europa per il suo approccio interattivo, il sito offre molteplici opportunità, come il divertente e coloratissimo gioco Facciamo una legge!, attraverso il quale i ragazzi potranno realizzare il proprio avatar che si aggira all’interno del Palazzo di Montecitorio, vestire i panni di un deputato e seguire da vicino l’iter di approvazione di una legge. Nella sezione Parlawiki, la piccola enciclopedia interattiva della Camera i ragazzi contribuiranno ad arricchire, anche con nuovi termini, questo prezioso vocabolario della democrazia. Troveranno quindi le parole della Camera come Assemblea, Aula, Costituzione e tante altre, spiegate e commentate per loro ma anche da loro. Se lo desiderano, i giovani cittadini italiani potranno infatti proporre di modificare, aggiungere o correggere definizioni e spiegazioni, diventando così preziosi collaboratori di Parlawiki.

Un concorso sulla democrazia
C’è poi il concorso Parkawiki, costruisci il vocabolario della democrazia aperto alle classi V della scuola primaria e a tutte le classi della scuola secondaria di primo grado. Il concorso, promosso dalla Camera dei Deputati in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, offre ai partecipanti l’opportunità di approfondire, commentare e interpretare con il gioco una delle tante parole importanti per il Parlamento e per tutti i cittadini, contenute all’interno della sezione Parlawiki. I ragazzi scelgono una delle parole-chiave della nostra democrazia. Dopo aver letto la sua definizione in quella sezione del sito, ne discutono insieme a tutta la classe che inventa una propria definizione. È possibile inserire nel sito anche video e foto digitali. E non è escluso che questo percorso virtuale all’interno del Parlamento possa suscitare nei bambini la curiosità di conoscere realmente il Palazzo. Per soddisfare questo desiderio, c’è la sezione con tutte le informazioni necessarie ad organizzare e prenotare una visita guidata alla Camera dei Deputati. Un’occasione unica per figli e genitori di seguire insieme un corso di educazione civica originale e oggigiorno particolarmente utile.

In Rete:
http://bambini.camera.it/

 

Marina Zenobio

- -


ARTICOLI CORRELATI