prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Bonus bebè: per legge sempre, ma dimezzato

dicembre 4, 2017 9:59 am

Per il 2018 il bonus bebè mensile sarà di 80 euro, ma per gli anni successivi l’importo sarà più light: 40 euro al mese, per un totale di 480 ero all’anno, ma resterà per sempre

Il bonus bebè, quella cifra mensile destinata alle famiglie in cui nasce o viene adottato un bambino, diventa light a partire dal 2019. Dagli 80 euro mensili previsti per il 2018, fino a 160 in base al reddito Isee, si passerà nell’anno successivo a cifre dimezzate, ossia 40 e 80 euro a seconda del reddito. Il bonus bebè diventa però strutturale, ossia spetterà per sempre in caso di nuove nascite ed adozioni.

 

A quanto ammonta e chi ne ha diritto

Per tutti i bambini nati o adottati è prevista l’erogazione di un assegno di 480 euro l’anno da suddividere in 12 mensilità, per le famiglie che sono in possesso dei requisiti di reddito Isee, rispettivamente 25.000 euro o 7.000 euro e che presentano entro 90 giorni dalla nascita o dall’entrata in famiglia del minore, la domanda bonus bebè all’Inps. Il modulo domanda può essere presentato da neo mamme, mamme adottive o affidatarie. Ne hanno diritto le cittadine italiane, le cittadine di uno Stato membro dell’Unione Europea e le cittadine extracomunitarie munite di regolare permesso di soggiorno o carta di soggiorno. È ovviamente necessario richiedere l’assegno in Italia e convivere con il bambino, ossia figlio e genitore richiedente devono essere coabitanti e avere dimora abituale nello stesso comune.

 

Come e dove presentare la domanda

La neo mamma per fruire del beneficio deve presentare la richiesta per il bonus di 480 euro, dopo aver raccolto i documenti necessari per il rilascio dell’Isee. La richiesta va presentata per via telematica direttamente all’INPS, se in possesso del PIN dispositivo, oppure, recandosi presso Caf e Patronati che, in funzione di intermediari, provvederanno a compilare il modello di domanda e inoltrarlo online all’Istituto. È anche possibile telefonare al numero verde 803.164 per chi telefona da rete fissa o allo 06 164.164 per chi chiama da cellulare ma in questo caso la chiamata è a pagamento secondo il proprio piano tariffario. Il modulo per presentare la domanda bonus bebè all’Inps è reperibile connettendosi al sito dell’INPS e seguendo il percorso: -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito-> Assegno di natalità – Bonus bebè.

 

Termini di presentazione della domanda e quando arriva l’assegno

La richiesta dell’assegno va presentata entro 90 giorni dalla nascita o dall’entrata del bambino in famiglia affidato o adottato. Se non si presenta la domanda entro tali termini, il pagamento avverrà non a partire dalla data di nascita o di ingresso in famiglia, ma dalla data in cui è stato trasmesso il modulo per via telematica. Il problema, piuttosto, è quando si vedrà erogata la cifra: l’INPS ha chiarito che la fine di luglio scorso sono stati liquidati la prima mensilità e tutti gli arretrati, calcolati dal mese di nascita o di entrata in famiglia del bambino adottato o affidato, di quelli che avevano fatto richiesta nei mesi precedenti. Si dovrà quindi attendere un po’ di tempo per mettere in tasca il bonus bebè

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI