prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Bonus € 500 per i diciottenni

novembre 7, 2016 3:25 pm

La procedura può sembrare laboriosa ma una volta ottenuta la registrazione, per i ragazzi nati nel 1998, è facile ottenere il bonus da spendere con finalità culturali. Ecco cosa fare.

Dallo scorso 3 novembre, anche se con un po’ di ritardo, è possibile richiedere il bonus di 500 euro, destinato a tutti i ragazzi che nel 2016 hanno compiuto o devono compiere diciotto anni, quindi nati dal primo gennaio al 31 dicembre 1998. Il bonus, deciso dal Governo nell’ultima legge di stabilità, ha fissato questa somma che i neo-maggiorenni possono richiedere e che potrà essere utilizzata soltanto per la cultura, ossia per l’acquisto di libri, per assistere a mostre, spettacoli teatrali, per vedere concerti ed entrare ai musei. Ecco qualche indicazione per ottenerlo.

Ci sarà tempo fino al 31 gennaio 2017 per registrarsi e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il bonus ottenuto. Trascorso questo tempo, il bonus non sarà rinnovabile. Il bonus non sono soldi in denaro ma, una sorta di carta di credito o di ricarica telefonica. Per ottenere il bonus è necessario collegarsi al sito e dalla apposita app: il bonus non potrà essere ottenuto in altri modi. Inoltre, per poter accedere al sito e alla app, è necessario ottenere prima uno SPID personale. Lo SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale e può essere utilizzato da computer, tablet e smartphone. Quindi, riassumendo, prima si deve ottenere lo SPID, quindi registrarsi sul sito e/o via app, quindi richiedere i buoni. Un po’ complesso? Forse ma ecco passo dopo passo cosa si deve fare.

Come avere lo SPID
Lo SPID si può ottenere solo se si sono già compiuti 18 anni, quindi se non è ancora giunto questo ambito compleanno si deve aspettare. Se invece si è già maggiorenni, è possibile seguire diverse vie. Si può ottenere passando per InfoCert www.infocert.it, tenendo a portata di mano oltre ai dati personali alcuni documenti come il codice fiscale, un numero di telefono cellulare, una casella email attiva ed una copia di documento di identità valido in formato digitale. Oppure è necessario avere una webcam per fotografarlo nel corso della procedura. Il riconoscimento via webcam costa 19,99 euro. L’iscrizione è gratuita se si dispone di una posta elettronica certificata, oppure di una Carta di Identità Elettronica o una Carta Nazionale dei Servizi. Sempre per ottenere la registrazione gratuita ci si può recare presso uno degli sportelli InfoCert, diffusi soprattutto nei grandi centri urbani e nel centro-nord Italia, ma ne esistono anche al sud. È meglio prima prendere l’appuntamento presso il centro più vicino, sempre cercando sul sito. Lo SPID si può ottenere anche attraverso Poste Italiane, anche se la procedura è più lunga, ma è gratuita. Si deve richiedere online il proprio PosteID abilitato a SPID. Questo si può fare scaricando la app PosteID da smartphone, con SMS da numero cellulare certificato, con lettore BancoPosta, Con Carta Nazionale dei Servizi o Carta di Identità elettronica attive, con Firma Digitale. Per confermare la richiesta del PosteID abilitato SPID si deve in ogni caso andare a uno sportello delle Poste per l’identificazione. Esiste anche una procedura tradizionale offline recandosi di persona in un ufficio postale con i dati personali e documenti di identificazione.

Il secondo passaggio: la registrazione
Una volta ottenuto lo SPID, si cerca il sito ufficiale dell’iniziativa, si inserisce il proprio SPID, quindi nome utente e password. Si troveranno tutte le informazioni necessarie per procedere e poi si accede alla pagina che permette di consultare per quali strutture o acquisti è possibile richiedere un buono, utilizzabile per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, monumenti e parchi, teatro e danza. Non vengono rilasciati buoni per abbigliamento, materiale elettronico o informatico, musica online, abbonamenti in streaming, ricariche telefoniche e via dicendo. C’è tutto scritto sul sito e il messaggio è chiaro: il denaro è destinato solo alla formazione culturale. Al momento alcuni siti che hanno aderito sono Amazon e Ibs.it

Giorgia Andretti

- -



Advertising