prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il pediatra sarà reperibile 16 ore al giorno

aprile 5, 2016 9:21 am

Si rinnova la convenzione con i pediatri e i medici di famiglia. La disponibilità diurna sarà assicurata dalle A F T, durante la notte si potrà contattare solo il 118.

Bisogno del medico o del pediatra durante le ore notturne? Tra qualche tempo, non si potrà più chiamare il servizio di continuità assistenziale, quello che un tempo era la guardia medica, ma si dovrà contattare il 118, che provvederà poi a fornire informazioni in base alle necessità. L’assistenza medica sul territorio, invece, sarà garantita dalle 8 alle 24.

Nascono le Aggregazioni Funzionali Territoriali
Sono alcune tra le novità previste dal documento per il rinnovo delle convenzioni con medici e pediatri di famiglia, approvato dalla Commissione Salute delle Regioni. Il documento ha l’obiettivo di rivedere e riorganizzare i processi assistenziali e l’accesso alle prestazioni sanitarie attraverso il coordinamento dell’attività dei medici convenzionati e degli altri professionisti del mondo medico. Il documento era già stato deliberato nel 2014 e adesso è stato oggetto di integrazioni. Prevede la creazione delle cosiddette AFT, Aggregazioni Funzionali Territoriali, ciascuna delle quali si rivolgerà a un bacino di utenza con un massimo di 30mila abitanti, per garantire un servizio migliore e più efficiente, alleggerendo il carico di ospedali e pronto soccorso, senza però aumentare i costi a carico del sistema sanitario.

Il rischio di un uso improprio del 118
Le AFT riuniranno medici che forniranno cure primarie, pediatri di libera scelta e specialisti ambulatoriali, per garantire l’assistenza dalle ore 8 alle ore 20 nei giorni feriali. Altre 4 ore di assistenza, fino alle ore 24, saranno assicurate dai medici a rapporto orario. Il servizio di emergenza 118 sarà attivo per coprire gli altri orari. Secondo la FP Cgil Medici, le nuove modalità daranno la possibilità di riaprire, finalmente dopo anni di blocco, le trattative tra Sisac e sindacati per il rinnovo degli accordi, si potranno così ridefinire ruoli e funzioni dei medici convenzionati, anche per quanto riguarda gli aspetti economici. Secondo il sindacato Medici Italiani non sarà proprio così: il nuovo sistema, mai sperimentato prima nel nostro paese, causerà un improprio ricorso al 118 nelle ore notturne, con ancor più ricorso al pronto soccorso e tagli alla guardia medica con la conseguente perdita di posti di lavoro. Sarà necessario attendere qualche tempo per capire come in effetti potrebbe funzionare un sistema di questo tipo.

Fare riferimento al proprio medico
Inoltre non è ancora del tutto chiaro come il servizio di assistenza pediatrica sarà svolto. Fino a oggi, infatti, lo studio del pediatra doveva essere aperto per 5 giorni alla settimana nel rispetto dell’orario esposto all’ingresso dello studio, stabilito dal pediatra stesso, per assicurare una prestazione corretta ed efficace. Nella giornata del sabato il medico non era tenuto a svolgere ambulatorio. Nei giorni prefestivi erano tenuti a effettuare l’attività ambulatoriale solo i medici che, in quel giorno, la svolgono normalmente al mattino. Dalle ore 20 alle ore 8 di tutti i giorni e dalle ore 14 di tutti i giorni prefestivi e nei giorni festivi era in funzione il servizio di continuità assistenziale. Per qualsiasi dubbio ci si può rivolgere alla propria Asl oppure al pediatra del proprio bambino.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI