prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Legge di Stabilità: in arrivo bonus e Family card

gennaio 11, 2016 3:03 pm

In arrivo novità positive per le famiglie numerose per il 2016: la Legge di Stabilità approvata lo scorso dicembre riconferma il bonus bebè e dà diritto a una card.

Nella legge di Stabilità approvata per il 2016 dal governo, si prevedono novità positive in arrivo per le famiglie, che secondo gli esperti potranno far risparmiare. Oltre all’abolizione dell’Imu e alla riduzione della Tasi, ci sono infatti aiuti specifici per chi ha una famiglia numerosa e bambini piccoli.

Arriva la Family card
La Family card è una novità assoluta. Si tratta di una carta che può essere richiesta dalle famiglie che hanno almeno tre figli e potrà essere utilizzata per beneficiare di alcuni sconti nell’uso di servizi pubblici come i trasporti e fare acquisti presso le aziende convenzionate che aderiranno in modo volontario all’iniziativa. L’INPS non ha ancora divulgato i criteri richiesti per poter avere diritto alla carta, ma questi dovrebbero essere diffusi a breve. Per questo, è consigliabile collegarsi periodicamente al sito dell’INPS. Altra novità è la Social card, che potrà essere richiesta dalle famiglie con basso reddito, con almeno un anziano a far parte del nucleo famigliare oppure un bambino di età inferiore a tre anni. Per averne diritto si deve produrre all’INPS la propria certificazione ISEE, anche se i criteri definitivi di accesso devono ancora essere stabiliti. La card è una sorta di carta di credito prepagata attraverso la quale l’INPS eroga 40 euro mensili da utilizzare per le utenze domestiche, per i pagamenti Pos e per le spese necessarie.

Riconfermato il bonus bebè
La Legge di Stabilità conferma anche per il 2016 il cosiddetto bonus bebè, a favore delle famiglie con reddito ISEE basso. Il bonus è destinato ai genitori che hanno un bambino o che ne adottano uno e consiste in un assegno mensile di 80 euro, pari a 960 euro l’anno, a partire dalla data di nascita o di adozione del piccolo. Può essere richiesto da chi ha un bimbo o ne adotta uno tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017. È destinato alle famiglie con ISEE non superiore ai 25mila euro all’anno. Se l’ISEE non supera i 7.000 euro annui il bonus è raddoppiato. Il bonus viene erogato per 36 mesi a partire dalla data di nascita o di ingresso in famiglia del piccolo, quindi fino al compimento dei tre anni. La domanda va presentata da uno dei genitori convivente con il piccolo, per via telematica all’Inps utilizzando i moduli predisposti a partire dal giorno della nascita del bambino o del suo ingresso in famiglia e non oltre i 90 giorni. Il bonus può essere interrotto se vengono meno i requisiti economici, ossia se il reddito ISEE sale o se il bambino viene affidato al genitore che non aveva fatto la richiesta.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI