prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Un dolce, una foto e tanti propositi per vivere il primo giorno di scuola

agosto 27, 2013 9:40 am

Il primo giorno di scuola è importante, soprattutto se inizia un nuovo ciclo di studi. Aiutiamo i nostri figli a ricordarlo in modo gioioso e costruttivo, sosteniamoli a stabilire i buoni propositi e loro si impegneranno a mantenerli.

Primo giorno di scuola? Indipendentemente se materna, elementare o media è impossibile da dimenticare anche per noi genitori. Nella memoria portiamo ancora quell’emozione che si accompagnava a un caratteristico mal di pancia. Ricordiamo il senso di curiosità misto allo smarrimento, con tenerezza e un filo di imbarazzo tornano alla mente le lacrime versate nello staccarsi dalla mano della mamma e la lieve invidia verso i bambini più disinvolti. Ci torna alla mente perfino l’odore, quell’odore eterno presente in tutte le scuole in ogni tempo, di carta, detersivo, di capelli di bambini… Il primo giorno di scuola fa parte del nostro patrimonio di vita, è un tesoro prezioso: facciamo in modo che sia speciale anche per i nostri figli.

Immortaliamo i ricordi preziosi
Aiutiamoli quindi ad avere un buon ricordo di questa prima giornata. Permettiamogli di indossare la sua maglietta preferita, quella alla quale è più affezionato e che lo fa sentire sicuro. Prepariamo la macchina fotografica e la videocamera, anche il cellulare va bene, per rendere eterni quei primi momenti: l’uscita da casa, l’arrivo a scuola, l’incontro con gli amici già conosciuti, la chiamata per formare le classi, il gruppo tutto insieme…. Dopo aver stampato le foto, divertiamoci a creare assieme a nostro figlio un poster speciale, una sorta di murales appeso alla parete della sua cameretta. Ogni anno, in ogni occasione speciale, potremo aggiungere altre foto per seguire il suo percorso di crescita e di maturazione. Potremo aggiungere le foto di gruppo firmate dagli amici, un cartoncino colorato con applicati sopra i nomi e i pensieri dei compagni di classe. E tra qualche anno anche lui guarderà con affetto e nostalgia quei momenti preziosi immortalati per sempre.

Chiediamogli un po’ di responsabilità
Speciale sì, ma anche educativo: il primo giorno di scuola va celebrato ma deve anche diventare un punto di partenza, un percorso psicologico per far approdare i nostri figli verso una crescita equilibrata. Il bambino della materna o della scuola elementare deve diventare il ragazzino al quale vengono richiesti impegni sempre nuovi, sia come rendimento sia come gestione di se stesso e del materiale scolastico. È compito di noi genitori aiutarlo in questo percorso. Possiamo regalare a nostro figlio un diario, scelto da lui, in cui ogni mese potrà annotare un proposito: riuscire a tenere in ordine il materiale scolastico, limitare a scuola le chiacchiere con il compagno di banco, impegnarsi a non parlare in modo non adatto ad un bambino. Ogni volta in cui l’obiettivo sarà stato raggiunto, il bambino meriterà un premio e comunque mai per regalo oggetti. Nei più piccoli può bastare una piccola gratificazione come un bell’adesivo-medaglia da applicare sul diario. I più grandicelli potranno avere, per esempio, la possibilità di restare a giocare mezz’ora in più al parco con gli amici, oppure godersi una serata al cinema con la famiglia. In questo modo i bambini si sentiranno gratificati e saranno stimolati a impegnarsi sempre di più nel percorso scolastico.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI