prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Se il Natale arriva dopo una separazione predisponiamoci per non commettere errori

dicembre 6, 2012 9:32 am

La separazione dei genitori non è mai un bel momento per i bambini e lo è ancora di meno nei giorni delle feste che per eccellenza festeggiano la famiglia riunita intorno alla tavola imbandita o nell’attesa di Babbo Natale.

Natale è la ricorrenza attesa dai bambini non solo per aprire i regali ma soprattutto perché la casa si rallegra di suoni e colori. Il vociare allegro dei parenti riempie la casa: nonni, zii, cuginetti e soprattutto con la mamma e il papà ospiti perfetti. Purtroppo la gioia della riunione famigliare non è sempre è possibile. Sono infatti sempre più numerosi i bambini, figli di genitori separati, che si trovano a doversi scontrare con una realtà per loro molto difficile da affrontare, troppo spesso sono costretti a dover vivere le feste alternando la presenza della mamma o del papà. I bambini non dovrebbero essere sottoposti ad un peso troppo grande per loro, dobbiamo noi adulti, genitori consapevoli imparare a gestire la situazione, sforzandoci di accantonare i dissapori per amore dei nostri figli, così da poter stabilire di comune accordo una strategia che consenta ai ragazzi di vivere felici le feste, sia con la mamma che con il papà.

Il loro desiderio più grande
Se volessimo dar lettura delle tante lettere indirizzate a Babbo Natale da parte dei bambini con genitori separati, difficilmente troveremo frasi diverse dal: “Per favore, fai tornare insieme mamme e papà”. Nonostante non vorremmo mai veder soffrire il nostro bambino spesso non possiamo evitarlo e ancora più spesso siamo proprio noi genitori la causa di tanta sofferenza. Il più delle volte è l’orgoglio a far muovere parole di disprezzo nei confronti di un ex partner, ma non possiamo dimenticare che quel partner è il padre o la madre di nostro figlio e, nessun bambino vorrebbe sentir parlare male dei suoi genitori. Noi adulti rappresentiamo la sicurezza dei bambini, dobbiamo quindi continuare a comportarci da persone responsabili che hanno a cuore il bene dei propri figli indipendentemente da come è o è stato l’ex-compagno di vita.
La separazione dei propri genitori è un evento veramente difficile da accettare a qualunque età, figuriamoci quanto possa esserlo per dei bambini piccoli che hanno bisogno della costante presenza di mamma e papà. Il tempo delle feste dovrebbe quindi trovare due genitori impegnati a sotterrare le armi del risentimento cercando le soluzioni più idonee per far si che i propri figli trascorrano in serenità le vacanze di Natale.

La soluzione ideale
In realtà una “soluzione ideale” uguale per tutti davvero non esiste, ma può essere calibrata sulla base dei bisogni personali e nel rispetto degli altri. Se è il primo Natale che si passa da separati, spieghiamo con parole molto semplici ai bambini il perché dovrà passare il tempo delle feste in due case diverse. Certo, non è semplice trovare le parole giuste, comunque non stanchiamoci mai di ricordargli di quanto lui o lei siamo impartanti per noi e di quanto l’amore che proviamo sia immenso e senza fine. Le nostre affermazioni saranno utili a fargli capire che nonostante non possiamo essere sempre presenti tutti i giorni il nostro rapporto non solo rimarrà sempre lo stesso ma diventerà ancora più forte. Chiaramente i bambini al di sotto dei quattro o cinque anni difficilmente sono in grado di comprendere le nostre spiegazioni, però possiamo sempre raccontargli che mamma e papà hanno deciso di passare il Natale in case diverse per ragioni di comodità, avendo ovviamente cura di non contraddirci con comportamenti che non rispecchiano quanto detto. Facciamo comunque in modo di organizzare una piccola festa con famigliari ed amici, così da non lasciare spazi vuoti al bambino e far sì che venga distratto dall’euforia di avere gente intorno. Nel caso i rapporti con l’ex-compagno siano buoni tanto da consentire di celebrare il giorno di Natale tutti insieme, è un’occasione unica per mostrare ai figli il rispetto verso di loro. In realtà la riunione di famiglia sarebbe consigliabile solo a patto che i genitori siano in armonia tra loro ed entrambi abbiano una famiglia ricostruita, altrimenti è preferibile che i bambini trascorrano le feste con uno dei genitori serenamente, senza rischiare il riaffiorare di dissapori che potrebbero compromettere il sereno svolgimento del Natale.

Gli errori da evitare
Il primo errore da evitare in assoluto è quello di presentare il nuovo compagno o compagna ai bambini durante le feste, loro non capirebbero la vostra propensione per una persona diversa dalla propria madre o padre. Evitiamo poi di far sentire in colpa i nostri bambini per il fatto di dover passare alcune festività lontani da noi, la nostra tristezza non aiuta di certo la loro serenità. Cerchiamo di far capire loro che non solo accettiamo ma che siamo contenti se nostro figlio ha la possibilità di trascorrere del tempo con l’altro genitore, così come avranno modo di trascorrere altro tempo insieme a noi. Ed infine…evitiamo di fare la guerra dei regali. Il bambino non apprezzerà questa situazione, anzi: svilupperà una forma di rancore rendendosi conto che i genitori non sono più uniti e complici, ma rivali. E, poiché lui si trova al centro di questa gara, il suo senso di colpa aumenterà. Quindi, lasciamo perdere i mega regali. Se possiamo, mettiamoci d’accordo e facciamogliene uno insieme, grande quanto si vuole, che lui desidera da tempo. E diciamogli sorridendo: quello “è il regalo di mamma e papà, scelto insieme per te”.

Simona Marchionni
Consulenza della dott.ssa Rosalba Trabalzini
Psichiatra, psicoterapeuta, laureata in psicologia medica

- -



Advertising