prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Scuola elementare, stabiliamo le regole

agosto 29, 2011 3:40 am

Confessiamolo, aspettavamo con ansia questo momento, l’ingresso alla scuola elementare del nostro bambino. Per l’organizzazione del mattino è necessario stabile nuove regole. Ebbene si, il nostro bambino ha già superato da poco i cinque anni e mezzo ed a giorni farà il suo ingresso nel mondo incantato della conoscenza, imparerà a scrivere, leggere e fare…

Confessiamolo, aspettavamo con ansia questo momento, l’ingresso alla scuola elementare del nostro bambino. Per l’organizzazione del mattino è necessario stabile nuove regole.

Ebbene si, il nostro bambino ha già superato da poco i cinque anni e mezzo ed a giorni farà il suo ingresso nel mondo incantato della conoscenza, imparerà a scrivere, leggere e fare le sue prime addizioni. In parte siamo già pronti a gestire gli orari del mattino, la frequenza della scuola materna ha reso tutti più attenti agli orari anche se, l’asilo, permette di sforare gli orari con maggiore elasticità.

Prepariamo i ragazzi al nuovo anno scolastico
Non facciamoci trovare impreparati all’atteso primo giorno di scuola ed iniziamo a programmare la tabella di marcia che ci accompagnerà per un intero anno scolastico. Saranno molti i bambini già pronti al rispetto degli orari ma, sfortunatamente sono anche tanti quelli che hanno bisogno di un rinforzo quotidiano per fare tutto in tempo prima di uscire di casa. Il nostro compito deve essere quello di responsabilizzare i bambini e non sostituirci a fare le cose per loro. Dobbiamo diventare una sorta di “coach” che richiama al rispetto dei tempi sulle cose da fare e non fare. E’ per questo che abbiamo pensato di offrirvi una agenda settimanale, un foglio da stampare ogni domenica ed insieme al vostro bambino costruire la tabella orari di ogni singolo giorno della settimana. Il foglio dovrà essere esposto in modo ben visibile e dovrà contenere le istruzioni che inizialmente verranno lette da voi per essere in seguito lette dal bambino non appena sarà in grado di leggere. Dovrà essere previsto il tempo della sveglia, il tempo per lavare i denti, per vestirsi e per fare colazione. Non sarà facile abituare un bambino al rispetto degli orari ma sarà necessario, è un modo per offrire a vostro figlio la possibilità di costruire il suo senso di responsabilità e che lo accompagnerà e guiderà per tutta la vita.

Come costruire la tabella orari
E’ consigliabile iniziare la costruzione ed il rispetto della tabella di marcia esattamente una settimana prima dell’inizio del primo giorno di scuola. In questo modo sia il bambino che voi, avete modo di sperimentare se i tempi indicati sono corretti o se devono essere rivisti sulla base delle singole competenze del bambino. In fondo il mattino non sarà più quello di oggi o di quando frequentava la scuola dell’infanzia, il bambino deve acquisire il concetto che la sua vita sta cambiando perché è cresciuto e, crescere, significa anche rispettare le nuove regole che la vita ci chiama a vivere: quelle della scuola. Gli orari indicati nella tabella dovranno essere precisi, del tipo: “Alle ore 7 precise ci si alza dal letto, tempo per andare in bagno e lavarsi, dalle ore 7,20 alle ore 7,30 è il tempo per indossare la tuta o gli abiti per la scuola (preparati la sera prima). Alle ore 7,30 pronti per la colazione. Alle ore 7,50 lavaggio dei denti ed alle ore 8,00 pronti per uscire dalla porta di casa. Tutto l’occorrente per la scuola deve essere preparato la sera prima, controllo dei compiti e piccola colazione compresa.

Aiutiamoli al rispetto delle nuove regole
Per essere certi che il mattino il bambino si alzi senza fare storie, deve aver dormito un sufficiente numero di ore per lui che a questa età corrisponde a circa nove ore e mezzo per notte. Quindi, se il mattino il piccolo deve alzarsi alle ore 7, deve necessariamente essere addormentato, che non corrisponde esattamente ad andare a letto, alle ore 21,30. E’ una buona regola invitare nostro figlio ad andare a letto alle ore 21 e sfogliare insieme un libro, pratica che potrà eseguire nel futuro da solo. Alcuni piccoli suggerimenti possono essere di aiuto

  • Per essere certi del rispetto degli orari, ovviamente siete voi a dovervi alzare per tempo, noi siamo il modello che i bambini devono imitare; 
  • non tutti i bambini sono pronti a seguire da subito le regole, alcuni di loro hanno bisogno di un rinforzo suppletivo, forse per tutto il tempo delle elementari, non perdersi di animo e continuare, con dolcezza a ricordare in modo veloce le cose da fare, tipo: “denti… scarpe….” I bambini hanno bisogno che venga ricordato loro anche l’ovvio;
  • nel ricordare i tempi da rispettare, utilizzare sempre un tono di voce autorevole e non autoritario o troppo severo, per il bambino affrontare il distacco da casa ed essere impegnato nell’apprendimento, il tono troppo severo o la voce simile all’urlo, non lo faciliterà di certo nel suo “lavoro” della conoscenza;
  • Ovviamente ognuno è libero di aggiungere nella tabella orari ciò che desidera, tipo lascia il ordine sulla seggiola il tuo pigiama oppure, può essere aggiunto il tempo dei compiti e del preparare lo zaino per il giorno dopo per chiudere con il tempo per andare a letto.

Lo scopo primario del costruire la tabella orari e del rispetto delle nuove regole è quello di evitare i conflitti quotidiani che possono crearsi il mattino, offriamo quindi al bambino la possibilità di entrare il classe ogni mattina sereno e pronto a dare il meglio di se stesso.

Leggi anche
La scuola apre al nuovo anno
Ansia da separazione che sofferenza
E sotto il grembiule la praticità

 

dott.ssa Rosalba Trabalzini

- -


ARTICOLI CORRELATI