prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

San Valentino 2018, dove e come festeggiare

febbraio 13, 2018 9:00 am

Da circa 400 anni il 14 febbraio di festeggia San Valentino, la festa degli innamorati: da un vescovo protettore dei giovani al patrono di chi si ama, ecco dove festeggiare

È di nuovo san Valentino, la festa degli innamorati, dell’amore e di chi si vuole bene. Le vetrine si riempiono di confezioni di cioccolatini a forma di cuore, di bouquet di deliziosi fiori, i ristoranti offrono romantiche cene a due. Ma quanto si sa, realmente, della figura di San Valentino? E come è diventato il protettore di chi si vuole bene?

 

Un vescovo martire a Roma

Secondo la tradizione, Valentino nacque a Terni attorno al 175 dopo Cristo: una città che ancora oggi viene scelta da molte coppie per festeggiare anniversari speciali, proprio in onore del protettore degli innamorati. Valentino fu ordinato vescovo nel 197, ad appena 22 anni e, a quanto si racconta, si rivolgeva con particolar fervore ai giovani, per convertirli al cristianesimo visto che all’epoca era ancora diffusa la religione pagana. Ad essi regalava un fiore del suo giardino e tra questi giovani nacquero anche degli amori, come tra il pagano Simplicio e la cristiana Serapia, una delle prime coppie miste di cui si ha notizia. Giunto a Roma, Valentino continuò a diffondere il credo cristiano e per questo soppresse i Lupercalia, cerimonia pagana della fertilità. Per questa ragione venne messo a morte, in tardissima età: fu infatti martirizzato nel 273, proprio il 14 febbraio, dopo essere stato a lungo in prigione. Nel 1.600 fu proclamato patrono di Terni e divenne protettore degli innamorati nei paesi anglosassoni. Il 14 febbraio resta quindi il giorno dell’amore, anche perché nonostante i rigori invernali le giornate iniziano ad allungarsi e gli uccelli riprendono a nidificare.

 

Celebrare un giorno speciale

Quest’anno San Valentino cade di mercoledì, giorno di scuola e di lavoro, ma ci si può regalare una mezza giornata da trascorrere in un luogo speciale con il proprio innamorato o, perché no, con tutta la famiglia, magari invitando anche la vicina di casa che sta sempre da sola, la nonna, lo zio anziano: perché si tratta di festeggiare il modo di volersi bene, l’amore in tutte le sue forme, l’amore passionale, l’amore filiale e l’amore amicale. Proprio a Terni, per esempio, in questi giorni fino a tutto il 14 febbraio si festeggia la 25° edizione di Cioccolentino: per le vie della città e nei negozi sarà possibile gustare le delizie al cacao. Romantici ma anche ricchi di storia e di cultura sono i numerosi castelli italiani, come quello di Bard in Valle d’Aosta, oppure la Rocca di Gradara in Romagna, teatro degli amori di Paolo e Francesca, la coppia dantesca, o ancora i Castelli del ducato di Parma e Piacenza. Per chi vive in centro impossibile perdersi una gita al centro storico di Urbino o tra le vie di Roma, facendo tappa a Ponte Milvio, luogo ormai storico per gli innamorati, o ancora al romantico castello di Santa Severa. Al sud, impossibile citare la bellezza e il romanticismo della Costiera Amalfitana, con Amalfi e Positano o di Taormina con il suo centro storico, o del borgo medievale di Erice, sulla rocca, con stradine in cui perdersi e panorami incantati.

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI