prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Sei l’uomo più adorabile: tanti auguri papà

marzo 14, 2016 10:03 am

Vasetti di viole e zeppole alla crema: conosciamo le origini della festa del papà. Nell’area mediterranea è una festa cattolica, nel resto del mondo segue regole sociali.

Ed ecco anche la festa del papà, un dolce appuntamento tra il Carnevale e la Pasqua, quando l’aria profuma già di primavera. La festa del papà sa di zeppole e bignè, deliziose frittelle farcite di crema, sa di violette in vaso, gli unici fiori che i nostri papà accettano perché scuri, mascolini e dal profumo discreto. E allora facciamo un po’ di festa a questi nostri papà così amati e trascurati, che arrivano stanchi la sera dal lavoro ma trovano la forza per tante coccole, per due calci al pallone approfittando delle giornate più lunghe e che si addormentano davanti alla televisione tenendo tra le braccia possenti il bambino più piccolo, diverso dall’abbraccio della mamma, ma così importante!

La festa nel mondo cattolico
La festa del papà viene festeggiata soprattutto nei paesi di tradizione cattolica: Italia, Spagna e Portogallo. La giornata dedicata è il 19 marzo, la data che, secondo la tradizione riportata dai Vangeli di Matteo e Luca, era il giorno Giuseppe, il papà terreno di Gesù si è addormentato per sempre. Il culto di San Giuseppe in Europa nacque nel primo millennio, quando i monaci benedettini cominciarono a celebrarne la festa. Fu Papa Sisto IV intorno al 1480 ad inserire nel calendario romano la ricorrenza. In seguito, nell’Ottocento, san Giuseppe fu patrono di Messico, Canada e Belgio. Non in tutti i paesi però si festeggia il 19 marzo. In Germania, per esempio, si festeggia il Männertag o Herrentag, ossia il – giorno degli uomini – che coincide con la festività dell’Ascensione, quindi all’inizio dell’estate.

Negli Usa e nel mondo intero
Negli Stati Uniti la festa del papà si celebra la terza domenica di giugno dal 1966 e fu istituita da Sonora Smart Dodd, nel 1909. La donna, ascoltando a Messa un sermone per la festa della mamma pensò di rivendicare una par condicio dei papà, pensando al proprio, che aveva cresciuto nel migliore dei modi ben sei figli dopo essere rimasto vedovo. Nello stesso giorno festeggiano anche Francia, India, Cina, Gran Bretagna. In Russia, i papà sono festeggiati il 23 febbraio, il giorno del primo reclutamento dell’Armata Rossa avvenuto nel 1918. Nato come festa di tutti gli uomini e le donne che hanno servito la patria, vi fu associata, in modo non ufficiale, la festa del papà. In Oriente, per la precisione in Thailandia, il papà si festeggia il 5 dicembre, giorno del compleanno di re Rama IX, in carica dal 1946. Verrà spostata quando salirà sul trono un nuovo sovrano.

Qualche idea per i nostri papà
Quest’anno la festa del papà cade di sabato, giorno in cui la maggior parte di loro sono a casa: è il momento giusto per celebrare la giornata dei nostri papà. Sicuramente ci vogliono tante coccole in più, anche da parte dei bambini maschietti che di solito riservano le affettuosità alle mamme. Colazione a letto? Forse, ma solo se il papà non ha questa abitudine già nei sabati normali. Piuttosto, al papà farebbe senz’altro piacere trascorrere insieme un po’ del tempo libero dedicandosi a quello che più gli piace, tutti insieme però: quindi via libera a un pomeriggio da maschi, magari allo stadio o alla partita di basket. Oppure, in un ristorante tipo western a provare per una volta tacos e chili. O magari, un regalo per dedicarsi al suo hobby preferito: un bel romanzo di avventura se ama leggere, un set per il bricolage, o anche soltanto un biglietto o un dolce fatto a mano dai suoi bambini. Sarà la festa più affettuosa che il papà potrà immaginare! Si accettano suggerimenti.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI