prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Preparatevi agli esami

giugno 14, 2003 12:00 pm

Quelli di quinta elementare sono i più difficili: il resto della carriera scolastica è una passeggiata Anche quest’anno siete sotto esame. E se quelli che voi, e vostro figlio, state per affrontare sono gli esami di quinta elementare sarà bene che vi prepariate a dovere visto che pare siano rimasti gli unici esami seri del…

Quelli di quinta elementare sono i più difficili: il resto della carriera scolastica è una passeggiata

Anche quest’anno siete sotto esame. E se quelli che voi, e vostro figlio, state per affrontare sono gli esami di quinta elementare sarà bene che vi prepariate a dovere visto che pare siano rimasti gli unici esami seri del nostro percorso scolastico. Trattandosi infatti di scuola dell’obbligo, che non soggiace più di tanto alle nuove regole di mercato scolastico (più alunni, più finanziamenti), le maestre possono permettersi anche il lusso di bocciare. Siete poi state avvisate dalle amiche con figli in età di scuola media (inferiore e superiore) che in pratica tutto ciò che vostro figlio saprà dai dieci anni alla laurea l’avrà appreso alle elementari. Quindi, se volete che dal prossimo anno si perfezioni in socializzazione, gite scolastiche d’istruzione a Gardaland, attività artistico-pleonastiche, settimane bianche e verdi (quelle rosse, le occupazioni, sono appannaggio dei figli di democratici alle superiori), dovete assolutamente darvi da fare e aiutarlo a ripassare.

Vi sono vicina, forte del fatto che quest’anno, nonostante due settimane “rosse” a cavallo delle vacanze di Natale e di Pasqua, un mese di preparazione al palio teatrale studentesco, una cinquantina di giorni di assenze più o meno giustificate, quasi cento ore nel bagno della scuola a fumare e un imperdibile corso di fotografia creativa, “sono stata promossa” con un asterisco in francese e uno in latino in seconda liceo classico e con la media del 7 in quinta ginnasio. Questo vi consoli: è l’ultima vera fatica scolastica a cui dovrete sottoporvi. Passata la quinta elementare il peggio è passato.

Quindi prendete il pargolo, mettetevi comode e soffrite in silenzio. Scoprirete anche voi, come noi tutte, che dopo cinque anni di scuola, per quello che voi sognavate come un genio, il passato remoto del verbo essere è “io ero…”; che “però” si scrive xo, senza l’accento sulla “”o; che un triangolo ottusangolo ha a che vedere con i tre della Gialappa’s di “Mai dire Grande Fratello”; che Notre Dame de Paris è a Disneyland e che Mazzini è una via. Se non scende sotto questo livello di conoscenze, verrà sicuramente ritenuto idoneo a frequentare le scuole medie, anche se con voti che non rendono giustizia alla sua intelligenza.
Care amiche, così è. Rassegnatevi perché dopo è meglio, visto che si studia di meno.
Lilith

P.S.
Oddio, vi chiedo scusa, mi sono accorta che ho fatto un errore: si scrive xche (senza l’accento). In fondo mi fa piacere essere letta da voi, ma non vorrei precludere, con un uso appropriato della lingua italiana, la lettura di questi racconti a adolescenti e laureandi!

 

Lilith

- -


ARTICOLI CORRELATI