prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Abbiamo bisogno del vostro aiuto per ricerca depressione post-partum

luglio 21, 2014 10:46 am

Vogliamo verificare le conseguenze della Depressione Post-Partum materna sulla prole attraverso un questionario anonimo da somministrare ai ragazzi che oggi sono nella fascia di età tra gli otto e dieci anni compiuti.

Adesso è solo un lontano, brutto ricordo: tanta voglia di piangere invece che essere felici per il proprio bambino, sensazione di essere incapace, senso di essere prigioniera e perfino – è tremendo dirlo – sentimenti ostili verso quel fagottino atteso con gioia per tanti mesi. Adesso dalla depressione post partum ne siete uscite da anni, grazie alla forza di volontà e all’aiuto ricevuto da persone intelligenti che vi hanno sostenuto e creduto in voi. Ma, purtroppo, non per tutte è così: alcune continuano a soffrirne, come testimoniano alcuni fatti di cronaca. Per aiutare altre mamme chiediamo aiuto a voi, mamme di bambini ormai grandicelli, che siete passate nell’incubo della depressione post partum. In letteratura scientifica non esistono lavori che prendano in considerazione i ragazzi che oggi sono tra gli otto ed i dieci anni le cui mamme hanno sofferto alla loro nascita di depressione post-partum. Noi  vogliamo verificare, attraverso la compilazione di alcuni questionari se ci sono eventuali predisposizioni al disturbo d’ansia o disturbo depressivo di personalità. I risultati verranno portati al convegno di pediatria che si terrà nel corso del prossimo evento Nativity  nei giorni di 12, 13 e 14 dicembre a Roma.

Presupposto della ricerca
I bambini le cui mamme hanno sofferto di depressione post-partum per un periodo superiore a tre mesi, potrebbero avere la tendenza a sviluppare una personalità depressa o comunque una predisposizione all’ansia generata dal precoce distacco affettivo a cui vengono esposti proprio a causa della depressione materna. Per verificare questa ipotesi abbiamo bisogno di avere un campione di ragazzi tra gli otto ed i dieci anni compiuti così distribuiti:

Studio su due gruppi:

  1. uno in cui le mamme hanno sofferto di depressione post-partum alla nascita del soggetto durata più di tre mesi
  1. uno in cui le mamme non ne hanno sofferto

Il campione deve essere di 150 ragazzi  per ciascuno dei due gruppi presi a random sul territorio italiano distribuiti in 50 al nord – 50 al centro – 50 al sud ed ulteriormente suddivisi in maschi e femmine:

 

Gruppo 1

Nord ragazze           25                                 Nord ragazzi        25

Centro  ragazze       25                                Centro  ragazzi     25

Sud Isole ragazze   25                              sud Isole  ragazzi   25

 

Gruppo 2

Nord ragazze           25                                 Nord ragazzi        25

Centro  ragazze       25                                Centro  ragazzi     25

Sud Isole ragazze   25                              sud Isole  ragazzi   25

 

Totale interviste         ragazze               150                       ragazzi                         150

 

Partecipare alla ricerca è un atto di generosità

Capire quali possono essere le ripercussioni di una depressione post-partum sui propri  figli significa prevenire stati d’ansia generalizzati e forme di depressione latente nei ragazzi una volta adulti.  I ragazzi, in perfetto anonimato,  dovranno rispondere ad una serie di domande – questionario SAFA – le schede verranno infatti downlodate autonomamente dalla mamma o dal papà ed una volta compilate dai ragazzi- sono risposte con crocette – devono essere scannerizzate ed inviate a postpartum2@guidagenitori.it con oggetto: SAFA gruppo 1 oppure SAFA gruppo 2.  Tutte le schede  raccolte verranno esaminate ed i dati elaborati direttamente dalla dott.ssa Rosalba Trabalzini così da avere il risultato della ricerca.  Per coloro che vogliono partecipare alla ricerca e voler poi conoscere anche il risultato, ovviamente deve essere indicato un codice identificativo che ne permetta l’individuazione. L’accesso al questionario avverrà attraverso una password rilasciata dalla redazione dopo aver espresso la volontà, attraverso e-mail alla redazione,  di partecipare alla ricerca sia come gruppo 1 sia come gruppo 2.  Il risultato verrà presentato anche al Ministero della Salute nell’ambito del progetto informativo: Depressione post-partum – Non sei l’unica.

Mamme e papà, confidiamo nella vostra sensibilità, aiutare la ricerca è un atto d’amore verso le future generazioni. Le schede vanno consegnate entro il 30 settembre.

Lina Rossi

- -



Advertising