prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Le regole di assunzione

aprile 29, 2002 12:00 pm

Perché il medicinale omeopatico faccia effetto non bisogna dimenticare alcune accortezze: vediamo quali Sono in continuo aumento le persone che ricorrono ai rimedi omeopatici per risolvere i problemi di salute. Ma è soprattutto in queste settimane di primavere che moltissimi ricorrono ai medicamente omeopatici per risolvere i problemi causai dalle allergie ai pollini. Il prodotto…

Perché il medicinale omeopatico faccia effetto non bisogna dimenticare alcune accortezze: vediamo quali

Sono in continuo aumento le persone che ricorrono ai rimedi omeopatici per risolvere i problemi di salute. Ma è soprattutto in queste settimane di primavere che moltissimi ricorrono ai medicamente omeopatici per risolvere i problemi causai dalle allergie ai pollini. Il prodotto di origine per la preparazione delle medicine omeopatiche sono le tinture madri, queste vengono diluite e dinamizzate. Il prodotto che viene utilizzato ha una concentrazione infinitesimale, questa diluizione non provoca alcun rischio di tossicità di accumulo ne effetti secondari indesiderati. I bambini, le donne in gravidanza e le persone anziane possono quindi assumere con tutta tranquillità i prodotti omeopatici. Perché l’assunzione sia davvero efficace bisogna però rispettare alcune regole. Vediamole insieme:

  • Le preparazioni omeopatiche vanno assunte almeno un quarto d’ora prima o due ore dopo i pasti principali.

  • I granuli o globuli vanno sciolti lentamente sotto la lingua mentre le gocce vanno prese assolute, se le gocce devono essere diluite in acqua, tenere il liquido in bocca per almeno 30 secondi prima di deglutire.

  • I granuli/globuli non vanno mai toccati con le mani perché viene compromessa l’efficacia terapeutica.

  • La menta, l’alcol, il tabacco ed il caffè assunti insieme al rimedio omeopatico possono alterarne il risultato.

  • La posologia in omeopatia non cambia, il dosaggio sarà uguale sia per il bambino che per la
    persona anziana.

  • Durante il trattamento omeopatico, per cura della bocca, dei denti e per l’igiene in genere è preferibile usare dei prodotti compatibili.

    Scegliere di curarsi con l’omeopatia non significa che se il medico lo dovesse ritenere opportuno non si possa intervenire con le comuni terapie. Nelle patologie ad andamento cronico può essere vantaggioso affiancare i due rimedi i quali non diminuiscono l’efficacia ma aiutano a ritrovare velocemente il proprio benessere.

     

    Dott. Mauro Alviani
    Licenced Associate Faculty of Homeopathy of United Kingdom

    - -


  • ARTICOLI CORRELATI