prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Combattere la placca dentale

giugno 27, 2000 12:00 pm

Ai genitori il compito, nei primi anni di vita del bambino, di mantenere la sua bocca pulita e sana Nella patologia dentale il processo distruttivo viene innescato dalla presenza della placca dentale. Perciò, un programma preventivo globale deve comprendere l’eliminazione della placca, il rafforzamento della resistenza dei denti ed il cambiamento delle abitudini dietetiche per…

Ai genitori il compito, nei primi anni di vita del bambino, di mantenere la

sua bocca pulita e sana

Nella patologia dentale il processo distruttivo viene innescato dalla presenza della placca dentale. Perciò, un

programma preventivo globale deve comprendere l’eliminazione della placca, il rafforzamento della resistenza dei denti ed il cambiamento delle

abitudini dietetiche per ridurre la disponibilità dei carboidrati fermentabili. Bisognerebbe incominciare la pulizia dei denti ed il massaggio delle

gengive subito dopo l’eruzione dei denti. Per rimuovere la placca tenace si preferisce usare uno spazzolino morbido e folto, applicato con la giusta

pressione. Durante l’infanzia sono i genitori che assumono la responsabilità della pulizia dei denti del bambino perché questo manca sia di conoscenza

che di capacità motorie. I genitori dovrebbero scegliere un posto comodo e ben illuminato che consenta di sostenere il bambino nella giusta posizione.

Di solito il bagno è troppo piccolo e affollato. Si consiglia di mettere il bambino in posizione supina sulle gambe di uno dei genitori oppure sul

letto. Se entrambi i genitori sono disponibili, possono sedere su sedie opposte e creare così una culla per il bambino. Uno dei genitori pulisce i denti

con la spazzola mentre l’altro sostiene il bambino e lo distrae. È preferibile un’azione di strofinio o di leggero sfregamento. Non si consiglia l

‘uso del dentifricio perché il bambino potrebbe non essere in grado di sputare. Man mano che si sviluppano le capacità motorie e l’intelligenza del

bambino, questo può incominciare a pulire i propri denti e gengive, naturalmente sotto il controllo e la direzione dei genitori. L’uso del filo di seta

interdentale costituisce un’attività motoria complessa che i bambini non imparano fino alla tarda fanciullezza. Poiché di solito vi è dello spazio tra

i denti dei bambini, si consiglia di rimandare quest’operazione a quando si sarà stabilito il contatto tra i denti. La bocca dovrebbe essere pulita

almeno una volta al giorno, preferibilmente prima di andare a letto. Nei casi di pasti e spuntini frequenti si raccomandano ulteriori pulizie insieme a

sciacqui della bocca con acqua.

 

Dott. Giuseppe Baviera
Medico chirurgo,Pediatra di famiglia, specialista in

Allergologia

- -



Advertising