prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

I denti da latte sono sempre più colpiti dalla carie, una vera e propria malattia

ottobre 5, 2012 12:25 pm

E’ una patologia molto diffusa soprattutto tra i bambini con i denti da latte, parliamo della carie. Come qualsiasi disagio la prevenzione è d’obbligo, quindi visite programmate dal dentista ed un’ottima igiene orale.

Gli odontoiatri infantili dipingono un quadro non proprio confortante sulla salute orale dei bambini: già a 4 anni, infatti, un bambino su cinque ha uno o più denti cariati. Che sia colpa dell’ereditarietà, di un’alimentazione troppo ricca di cibi dolci e morbidi o di una spiccata antipatia per lo spazzolino, sta di fatto che la carie è sempre più diffusa tra i piccoli. Per prevenirla è necessario accompagnare i bambini ai controlli periodici dall’odontoiatra, eseguire una frequente e corretta igiene dentale e seguire le regole di un’alimentazione sana. Giocando con i nostri bambini potremo insegnare loro a lavarsi i denti in modo corretto e a non aver paura del dentista.

Troppo poco dal dentista
L’incidenza della carie nei primissimi anni è dovuta senz’altro all’abitudine di non andare dal dentista: forse per cultura, forse per superficialità, forse perché, ancora oggi, si pensa che “tanto si cariano i denti destinati a cadere”. Ben il 76% dei bambini in età prescolare non si sottopone a visite odontoiatriche, così già all’età di 4 anni 1 su 5 è affetto da lesioni cariose. La situazione peggiora con il passare degli anni: a dodici anni, un ragazzo su due presenta questo problema. La carie è una vera e propria malattia dei denti, dovuta all’azione dei batteri presenti nel cavo orale, che trasformano gli zuccheri in acidi che corrodono la parte esterna del dente. Il primo passo per prevenire questa patologia, oltre alla consueta igiene quotidiana, è sottoporre regolarmente i bambini alle visite di controllo dal dentista. In questo modo è possibile individuare piccolissime macchie che, trascurate, possono evolvere in carie vere e proprie e correggere abitudini scorrette di igiene orale che possono favorire l’insorgenza del problema. E’ necessario curare anche la carie nei denti da latte: questo permette al cavo orale e ai denti permanenti di svilupparsi in modo sano.

Come prevenire le carie
La prevenzione della carie passa anche dall’alimentazione: è bene abituare i bambini a non continuare a mangiucchiare caramelle, cioccolato o snack dolci e gommosi in continuazione. Oltre a non essere un bene per l’eccessiva ingestione di calorie inutili, tenere continuamente in bocca alimenti zuccherini mantiene alto il livello di acidi all’interno del cavo orale. Quindi, paradossalmente, sarebbe meno nocivo per i denti mangiare tre caramelle una di seguito all’altra, piuttosto che lo stesso numero a distanza di un’ora l’una dall’altra. Altro fattore che aumenta il rischio di formazione delle carie è la scarsa o scorretta igiene orale: lavarsi i denti tre volte al giorno, mezz’ora dopo la fine dei pasti, deve diventare la regola. La lotta alla carie si affronta insieme al dentista: il controllo deve essere effettuato una o due volte l’anno già a partire dai 3 anni.

Il corretto modo di lavarsi i denti
Lavare i denti dopo ogni pasto non è sufficiente per prevenire la formazione delle carie: è necessario anche effettuare l’igiene in modo corretto. I primi dentini vanno puliti avvalendosi di una garza arrotolata su di un dito, mentre a partire dai 3 anni si può iniziare ad utilizzare lo spazzolino. Con il gioco possiamo aiutare i nostri bambini ad avvicinarsi a questo nuovo strumento, facciamogli inoltre vedere che anche noi ci laviamo i denti: il desiderio di imitare la mamma e il papà li incentiverà a fare amicizia con lo spazzolino. Ma come si tiene una corretta igiene orale? In primo luogo lo spazzolino deve avere le setole morbide, in modo da non danneggiare lo smalto dei denti. È necessario dedicare almeno due minuti al lavaggio dei denti, avendo cura di raggiungere anche i molari e la parte interna delle arcate dentali. Per quanto riguarda i movimenti che vanno effettuati, si deve procedere carezzando la gengiva con le setole e con dei movimenti circolari del polso si deve spazzolare delicatamente dall’alto verso il basso per l’arcata dentale superiore e dal basso verso l’alto per l’arcata dentale inferiore, lo stesso procedimento deve essere effettuato all’interno del cavo orale, nella parte interna delle due arcate. I batteri si annidano anche sulla lingua che deve essere pertanto spazzolata con molta delicatezza.

Non aver paura del dentista
Molti bambini sono letteralmente terrorizzati alla sola idea di doversi sedere sulla poltrona del dentista: ma ci siamo mai chiesti da dove derivi questa loro paura? Spesso siamo noi genitori ad infondere in loro questa paura, pur senza volere. Quindi prestiamo attenzione a non mostrargli la nostra debolezza, non dobbiamo mai ammettere davanti a loro di avere la fobia del dentista, piuttosto sforziamoci di mostrarci felici di sottoporci alla consueta visita di controllo. Spieghiamo ai nostri bambini che non c’è motivo di aver timore poiché il dentista ci aiuta ad evitare il formarsi di problemi, o a curare quelli già insorti, che se trascurati potrebbero farci soffrire inutilmente. Come sempre cerchiamo di avvalerci del gioco per superare questo tipo di paura, possiamo portare con noi il pupazzo preferito dei nostri piccoli: loro saranno certamente sollevati nel sapere che anche il loro compagno di giochi è felice di sottoporsi al controllo del medico!

Simona Marchionni

- -


ARTICOLI CORRELATI