prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Bambini e fluoro, quanto va bene?

febbraio 1, 2012 2:30 pm

L’acquisto e l’uso della pasta dentifricia per i figli deve essere attentamente controllata. La quantità di fluoro ammessa è in rapporto all’età dei bambini, così stabilisce l’OMS.

Bambini e </p><br /><br /><br /><br />
<p>fluoro, quanto va bene?

Il fluoro è il minerale che aiuta a prevenire la formazione della carie e a rinforzare lo smalto. Come quasi tutte le sostanze chimiche o naturali, però, in dosi eccessive fa male. Il rischio, dunque, non è legato al fluoro in sé, ma alla quantità assunta. Sembra una informazione scontata ma non è del tutto così visto che, ultimamente, alcune pubblicità di prodotti per l ‘igiene dentale rischiano di creare nel consumatore la falsa convinzione che i dentifrici al fluoro siano non solo inutili, ma addirittura pericolosi, soprattutto per i bambini che potrebbero incorrere nella fluorosi, una degenerazione dello smalto dei denti. E’ allora il caso di fare un po’ di chiarezza e contribuire ad una corretta informazione.

Utile sì, nelle dosi stabilite
Gli studi a supporto dell ‘efficacia del fluoro, nei limiti ammessi dalla legge, hanno una letteratura vasta di almeno 50 anni. Anche l’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, approva e supporta l’utilizzo del fluoro come profilassi, sempre e comunque nelle dosi stabilite. Il Comitato scientifico cui si appoggia la Comunità europea per i prodotti di consumo ha di recente affermato, sulla base della letteratura disponibile a riguardo della sicurezza del fluoro per bambini con meno di 6 anni, che la concentrazione massima di fluoruro ammessa nei dentifrici non costituisce un problema. È stato accertato che la fluorosi è conseguenza di un’assunzione cumulativa di fluoro durante lo sviluppo dello smalto dei denti. I suoi effetti più gravi dipendono quindi dalla dose, dalla durata e dal periodo di somministrazione. Il rischio di fluorosi dello smalto è limitata ai bambini fino a 8 anni perché, intorno a quell’età, lo smalto ha completato la sua maturazione e non è più esposto ad eventuali effetti negativi del fluoro.

Fluoro e direttiva europea
La concentrazione massima autorizzata per il fluoro nei dentifrici è stata fissata da lungo tempo dalla direttiva europea (76/78/CE), adottata dal nostro Ministero della Salute. Di conseguenza, nessun prodotto in commercio contiene più di 1500 ppm (parti per milione) o 0,15% di fluoro, un livello considerato efficace e senza rischi. I dentifrici specifici per bambini ne contengono in genere meno, 500 ppm, ma anche se utilizzassero lo stesso tubetto di mamma e papà il rischio di fluorosi è più che remota. Le legge impone comunque ai produttori di dentifrici per adulti di riportare sull’etichetta la seguente avvertenza: “In caso di impiego da parte di bambini fino a 6 anni, si raccomanda di utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l’ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro anche da altri fonti, si consigli anche di consultare il dentista o il medico”

Il dentifricio giusto per loro
Esistono, è vero, i dentifrici appositamente studiati per i bambini che solitamente contengono, come già detto, una quantità inferiore di fluoro e che sono caratterizzati da un aroma gradevole per invogliare i più piccoli alla pulizia dei denti. E’ anche vero che, recentemente, il Comitato Scientifico sulla Sicurezza dei Consumatori della Commissione Europea (SCCS), formato da esperti medici e tossicologi indipendenti, ha di nuovo confermato che i prodotti per l’igiene orale contenenti fluoro sono sicuri anche per i bambini, ribadendone l’efficacia nella prevenzione della carie a tutte le età. Alcuni consigli, come quelli di seguito, possono comunque tornare utili:

  • Da 0 a 3 anni senza dentifricio, va bene la pulizia solo con spazzolino e acqua, effettuata dai genitori.
  • Da 3 a 6 anni dentifricio con 500 ppm, la pulizia può essere eseguita da soli sotto la supervisione di un adulto
  • Bambini oltre i 6 anni e adulti possono utilizzare lo stesso dentifricio con 1350-1500 ppm

È bene non esagerare con le dosi, non coprire tutta la setola dello spazzolino, come fanno vedere nelle pubblicità: basta utilizzarne, al massimo, una quantità equivalente a un pisello. Fino ai 6 anni è preferibile che sia uno dei genitori a dosare la quantità perché, essendo i dentifrici per bambini dolci e aromatizzati, i piccini sono portati ad abbondare e abusarne.

Direttiva CEE

Marina Zenobio

- -



Advertising