prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il betacarotene, contenuto nelle carote e nei pomodori, protegge la pelle

aprile 2, 2014 3:19 pm

La stagione del sole sta arrivando: difendiamo la pelle dei nostri bambini dai raggi U.V., oltre che con la protezione solare, anche con gli alimenti ricchi di antiossidanti e di betacarotene: prevengono i danni da raggi solari.

Ben lo sappiamo tutti quanto sia importante proteggere la pelle dai danni causati dai raggi solari: melanoma, certo, ma anche cheratiti, eritemi e semplici arrossamenti. Disturbi che colpiscono soprattutto gli adulti, ma dai quali ci si deve difendere fin da bambini, quando la cute è più delicata e quindi più a rischio di danni. Fin dai primi giorni di bel tempo, quando nella classica gita fuori porta si è più esposti ai raggi del sole, è importante applicare sulla pelle un prodotto solare con adeguato fattore di protezione. Ma è altrettanto importante preparare la pelle con la giusta alimentazione, per fornire un rinforzo all’intero all’organismo.

Pappa al pomodoro contro le scottature
Lo ribadisce la scienza: consumare vegetali rossi, gialli e arancione difende la pelle dai raggi solari. E non solo: centrifugati, succhi, integratori e creme dermatologiche contenenti derivati e principi attivi di carote e pomodori, come betacarotene e licopene, sono efficaci nel prevenire le scottature e la formazione dell’eritema solare. Già, proprio come i cataplasmi della donna. Lo sostiene il dottor Howard Maibach,della University of California di San Francisco in una review pubblicata sulla rivista Cosmetic & Toiletries Science Applied. I ricercatori hanno confrontato le capacità foto protettive dei composti naturali con quelli di sintesi, assunti oralmente o applicati sulla pelle. Centrifugati e passate di pomodoro contribuiscono al calo dell’arrossamento della pelle da foto-esposizione fino al 45%, mentre l’assunzione dei composti tramite integratori contribuisce alla diminuzione dei danni a livello cellulare. Anche l’applicazione sulla pelle di creme contenenti antiossidanti, come vitamina E, C oltre che del tè verde, licopene e betacarotene, dimostra di avere effetti benefici, soprattutto se usate insieme agli integratori.

Approfittiamo dei frutti di stagione
La pelle può però essere irrobustita anche dall’interno. Via libera quindi alle albicocche, mango, prugne gialle e viola, ciliegie, meloni, angurie, ma anche zucchine, pomodori, peperoni che in estate sono più naturali e invitanti che mai. Oltre che ricchi di vitamine i vegetali sono anche ricchi di sali minerali, ferro e sostanze essenziali per la salute dell’organismo a tutto beneficio della reintegrazione dei sali che si perdono con la sudorazione e per il buon funzionamento dell’intestino. La vitamina C inoltre contrasta il processo ossidante dei radicali liberi, sostanze presenti nell’organismo che si possono legare con le cellule di tessuti e mucose, provocandone l’invecchiamento e dando il via anche a processi di infiammazione. La vitamina C previene la formazione di macchie cutanee dovute all’età e attenua quelle già presenti. Infine è efficace nella sintesi del collagene, la proteina che conferisce elasticità ai tessuti.

Betacarotene, un filtro naturale
Un’alimentazione ricca di verdure e frutti gialli e arancio esercita una vera e propria azione protettiva sulla pelle, anche in vista dell’esposizione al sole. Pesche, albicocche, carote, peperoni, pomodori e zucche contengono infatti il betacarotene, una sostanza caratterizzata da una colorazione giallastra, che esercita una duplice azione benefica per la pelle. Anzitutto si accumula nei tessuti conferendo una colorazione naturale che, funzionando come un filtro protegge la pelle dal pericolo di scottature, soprattutto se è la prima volta che ci si espone al sole. Ma il betacarotene è anche un efficace antiaging: assunto attraverso gli alimenti, il betacarotene si lega all’enzima carotenasi, una sostanza presente nel fegato, per formare la vitamina A, che contrasta l’assottigliamento e la disidratazione degli strati della pelle. Anche per i bambini, dunque, è importante che questi deliziosi frutti non manchino mai sulle tavole, così come sono freschi e al naturale, in macedonia con un cucchiaio di miele, oppure in forma di frullato con un po’ di yogurt. Per un pieno di golosità, a tutto vantaggio della pelle.

Sahalima Giovannini

- -



Advertising