prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Mal di schiena tra gli adolescenti, ne soffre il 20%

febbraio 7, 2017 10:00 am

Secondo gli esperti, due adolescenti su dieci soffrono di mal di schiena e soltanto sette su cento vanno dal medico. Sicuramente non è un disturbo serio, ma non va sottovalutato.

Il dolore lombare o mal di schiena non è una peculiarità degli adulti o degli anziani: anche i più giovani ne soffrono ed è un disturbo in aumento. Secondo gli esperti, oggi riguarda due ragazzini su dieci, ma solo sette su cento vanno dal medico per approfondire il problema. Lo ha spiegato di recente una revisione della letteratura pubblicata dal Journal of American Medical Association Pediatria.

 

Mal di schiena fin da piccoli

Secondo gli esperti dell’Ospedale per bambini Nationwide Sports Medicine, in Ohio, il dolore lombare interessa l’1%  dei bambini all’età di sette anni, il 6% all’età di 10 anni e il 18% da 14 a 16 anni. Non ci si deve preoccupare, perché nella maggior parte dei casi le cause che provocano il dolore sono del tutto benigne. Il problema comunque non va trascurato perché può incidere sul benessere e la qualità della vita. Un ragazzino che ha mal di schiena diventa nervoso, rende meno nello studio e ha difficoltà nello svolgimento delle attività sportive. Per questo è bene approfondire il problema, parlandone con il pediatra. Nella maggior parte dei casi, oggi il mal di schiena dei più giovani è dovuto allo stile di vita scorretto. Infatti, i ragazzi sono mediamente più in sovrappeso rispetto al passato e questo crea un sovraccarico che va ad incidere sulle fibre nervose che trasportano i messaggi del dolore. Inoltre, il maggior peso grava sulle vertebre dorsali e lombari, che tendono ad appiattirsi l’una sull’altra, comprimendo le fibre nersose a ridosso dei nuclei radicolari.

 

I ragazzini si muovono poco

La situazione viene anche aggravata dal fatto che i ragazzi di oggi si muovono davvero troppo poco, quindi non utilizzano la colonna vertebrale per lo scopo per il quale è stata progettata da madre natura. La spina dorsale è una struttura flessibile, che per essere in salute deve piegarsi, allungarsi, tendersi, girare di qua e di là, assecondando i movimenti spontanei che un ragazzo dovrebbe compiere in uno stile di vita attivo. Oggi invece,  i giovanissimi praticano sport strutturato, come basket, calcio, tennis ma si dedicano poco al moto libero che si pratica semplicemente giocando all’aperto o correndo. Inoltre, il tempo libero dallo studio viene trascorso davanti a televisione e videogiochi, la schiena quindi non viene utilizzata, i muscoli si indeboliscono e faticano a reggere il peso del corpo in posizione eretta. Quindi, cercare di muoversi di più ed, eventualmente, di tenere sotto controllo i chili di troppo è un modo per prevenire o combattere il mal di schiena.

 

Le cause serie sono rare

Se il proprio figlio lamenta mal di schiena è quindi bene recarsi dal pediatra per una semplice visita. Anche perché, nella gran parte dei casi, il dolore lombare nei giovani è benigno, causato appunto dal poco moto e dalle malposizioni assunte durante lo studio. Il medico può anche escludere che ci sia un problema più serio, per esempio una forma di scoliosi: la deviazione a destra o sinistra della colonna vertebrale. È difficile però che un ragazzo arrivi all’adolescenza senza che il pediatra si sia accorto prima di questo problema. Infine, le forme che preoccupano non si presentano mai con il singolo sintomo del mal di schiena ma è associato quasi sempre a formicolii agli arti e difficoltà di movimento ma  va precisato che si tratta di casi davvero molto rari.

 

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI