prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Adolescenti, l’obesità va ostacolata in famiglia

settembre 9, 2016 9:21 am

Le buone abitudini alimentari e comportamentali vanno gestite in famiglia: nessun commento sull’aspetto fisico e attività sportiva appena possibile: ecco come combattere l’obesità

L’adolescenza è un periodo a forte rischio per i disturbi alimentari, i ragazzini sono particolarmente sensibili ai commenti negativi, soprattutto se questi riguardano l’aspetto fisico. I commenti negativi vanno evitati così come le diete scorrette, queste semplici regole rappresentano il primo punto per combattere il problema obesità. Partono da questi semplici presupposti le linee guida stilate dalla American Academy of Pediatrics e pubblicate sulla rivista Pediatrics.

No ai commenti negativi sul peso
Le linee guida si rivolgono a medici e genitori e come spiegano gli autori rappresentano un approccio valido per tutti gli adolescenti, non solo per quelli che hanno disturbi del comportamento alimentare. Vietato focalizzare l’attenzione sul peso, soprattutto con commenti negativi o canzonatori, nonostante siano ancora in molti i genitori a credere che la presa in giro sia una mossa vincente, perché non è vero che stimola una sorta di rivalsa per migliorare il proprio aspetto. Anzi, il più delle volte accade proprio il contrario: un ragazzo si sente ancora più insicuro fino a sentirsi un perdente e quindi, seguire un comportamento alimentare ancor più sbagliato. Oltre a non fare commenti sul fisico, se non costruttivi, è importante consumare il più possibile pasti in famiglia, perché in questo modo si è certi che il ragazzo si nutra in modo più equilibrato. È bene non incoraggiare le diete, soprattutto facendo saltare i pasti o assumere sostanze dimagranti, è anche opportuno evitare le discussioni sul peso. Secondo gli esperti, insomma, i ragazzi devono seguire uno stile di vita e un modello alimentare il più possibile naturale.

L’importanza dell’attività fisica
Le raccomandazioni degli esperti americani sono valide anche nel nostro paese, dove ormai un ragazzino su quattro è sovrappeso e uno su dieci ha problemi di obesità. È essenziale consumare il più spesso possibile i pasti in famiglia, anche se una sera in pizzeria o a mangiare un hamburger rappresenta un’occasione per socializzare. A casa è bene seguire una dieta equilibrata, a partire dalla colazione: nel pasto del primo mattino infatti è consentito mangiare quello che si preferisce perché nel giro di poco viene bruciato tutto. Ed è provato che nel resto della giornata si avverte meno fame e meno voglia di sgarrare. I consigli di Zia Vittoria sono utilissimi per gestire la sana nutrizione per tutta la famiglia con bambini a partire dall’anno di età e per tutta la vita. Il programma dietetico è realizzato dai nutrizionisti di Guidagenitori.it e le ricette sono realizzare dalle Lady Chef della Federazione Italiana Cuochi. Le bevande zuccherate non dovrebbero mai essere disponibili in casa: se non ci sono, non possono nemmeno essere bevute. La sedentarietà va combattuta: è bene quindi spronare i ragazzi ad andare a scuola a piedi e a stare il meno possibile davanti a un video.

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI