prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Mamme e nonne lavorano di più

dicembre 7, 2000 12:00 pm

Secondo l’Istat, rispetto alle generazioni precedenti, quelle di oggi hanno un carico familiare più pesante L’Istat ha condotto un’indagine sulle donne nate nel 1960 mettendole a confronto con quelle nate 20 anni prima. Il dato che emerge dalla ricerca è che in seguito a trasformazioni demografiche e del mondo del lavoro le quarantenni di oggi…

Secondo l’Istat, rispetto alle generazioni precedenti, quelle di oggi hanno un carico familiare più pesante

L’Istat ha condotto un’indagine sulle donne nate nel 1960 mettendole a confronto con quelle nate 20 anni prima. Il dato che emerge dalla ricerca è che in seguito a trasformazioni demografiche e del mondo del lavoro le quarantenni di oggi hanno un carico familiare molto più pesante.
Ciò risulta anche dal numero delle persone su cui oggi le donne possono fare affidamento nella distribuzione dei compiti.
Mentre la donna nata nel 1940 poteva dividere le cure da dedicare ai bambini e agli anziani della casa con 9 persone, come fratelli, sorelle e cognate, la donna nata nel 1960 può essere aiutata solo da 5 persone.
Dunque le madri di oggi possono contare su poche persone per sbrigare le faccende di casa e per sostenere le responsabilità legate ai figli. Un’altra differenza sta nel fatto che mentre le donne del ’40 dovranno accogliere in casa un anziano per circa 12 anni, le donne del ’60, grazie ad un generale prolungamento della vita, condivideranno la casa con parenti anziani per circa 18 anni, prestando loro cure e assistenza.
E come se non bastasse ci sono anche i successi ottenuti dopo le dure lotte delle per riuscire a far ingresso nel mondo del lavoro e per ricoprire figure professionali di responsabilità. Traguardi, questi, che si sono tramutati in nuove fatica, stress, mancanza di tempo libero.
Ma anche le nonne del 2000 subiscono il cambiamento dei tempi con il risultato di vedersi sovraccaricate di compiti. Infatti, sempre grazie al prolungamento della vita, accade più spesso che le nonne abbiano ancora in casa i genitori, ormai molto anziani e bisognosi di assistenza, ma anche i figli che non si sono sposati, o che, in ogni caso, hanno preferito rimanere a casa con la stessa cattiva abitudine di non collaborare nelle mansioni domestiche.
Sono nonne già di qualche nipote, ma ancora indaffarate tra l’assistenza ai genitori e i panni sporchi dei figli mammoni, private di quello che, ad una certa età, è stato sempre considerato il meritato riposo.

In Rete:
Istat

 

Gaetano Franzese

- -



Advertising