prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Gelose della baby sitter

novembre 24, 2008 12:00 pm

Capita, inutile negarlo: ma l’affetto che dimostra il piccolo deve essere per noi solo una rassicurazione Di punto in bianco monta la gelosia. Voi state per andare a lavoro e lui tutto felice si getta tra le braccia della baby sitter. “Aiuto sarà il vostro pensiero vuole più bene a lei che a me”. Calma,…

Capita, inutile negarlo: ma l’affetto che dimostra il piccolo deve essere per noi solo una rassicurazione

Di punto in bianco monta la gelosia. Voi state per andare a lavoro e lui tutto felice si getta tra le braccia della baby sitter. “Aiuto sarà il vostro pensiero vuole più bene a lei che a me”. Calma, non c’è nulla di cui allarmarsi. Il lavoro può essere fonte di grande soddisfazione personale, ma inevitabilmente sottrae tempo al ruolo di mamma.

Il valore del tempo
Occupazioni come l’andare a prendere i figli a scuola, portarli a catechismo od in palestra, preparargli il pranzo, diventano difficili da inserire nei ritmi di vita alle quali siamo sottoposte e vengono sempre di più svolte dalla baby sitter. Tutto questo può creare una strana situazione, che è però, a pensarci bene, il risultato naturale del trascorrere tanto tempo insieme: che è quella del nascere di un affetto. Quando hanno la fortuna di incontrare la persona giusta i bambini si affezionano molto ad una baby sitter, che trascorre con loro molto tempo, che “dedica” loro del tempo. Perché è questa la percezione che i bambini hanno. I bambini non capiscono che questa è una “relazione di lavoro”. Anche perché nella maggior parte dei casi non lo è. Infatti non è raro vedere che tra i due nasca un affetto sincero, soprattutto quando il bambino è piccolino.
Proprio questo può far sorgere dei problemi. Le mamme potrebbero iniziare ad essere gelose di questo legame, che in qualche modo le esclude. Come affrontare la situazione allora?

Attente ai sensi di colpa
Prima di tutto cercando di ricordarsi sempre che l’amore tra un bambino e la sua mamma è un qualcosa di indissolubile. Solo la mamma sa cosa vuol dire amare quel bambino perché è proprio lui, il suo bambino. Inutile cercare di delineare i sentimenti del bambino verso la mamma, si cadrebbe nell’ovvio. L’idea che vostro figlio sia nelle mani di una baby sitter con cui sta bene, sereno e tranquillo, deve rasserenare le mamme e non creare inutili patemi o gelosie. La scelta di una baby sitter non è una scelta semplice per i genitori. Significa in qualche modo “affidare” il proprio bambino a qualcun altro. Quando constatate che è stata la scelta giusta non fatevela rovinare da inesistenti preoccupazioni sulla perdita dell’affetto di vostro figlio. Non è così e non sarà così. Non saranno un po’ forse i vostri sensi di colpa che fanno capolino?

Rubate il mestiere alla baby sitter
Cosa fare? Si potrebbe cominciare a rendere questo handicap una risorsa. Il tempo che passate con vostro figlio è poco? Cercate di passarlo nel migliore dei modi con tante coccole e facendo cose che vi piacciono fare insieme.
Il rapporto tra lui e la baby sitter è esclusivo? Cercate di capire quali tesori nascosti ci sono in questa persona da aver suscitato l’attenzione del vostro bambino ed entrate in contatto con lei. In un contatto “sentito”, non imposto per creare alleanze. Queste due semplici mosse sono il primo passo da fare per calmare un po’ le ansie che una situazione del genere potrebbe aver creato. E poi, in ultimo, lasciatevi andare un po’ di più dimostrando i vostri sentimenti. Non c’è nulla di più risolutivo dell’esprimere il proprio affetto a quelli che si amano.

 

Dott.ssa Ilaria Ronchetti
Psicologo

- -



Advertising