prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Banche sempre più care

gennaio 28, 2002 12:00 pm

L’Adusbef denuncia un aumento dei costi dei conti correnti: ormai paghiamo quasi un euro al giorno Conti correnti sempre più cari. Secondo un’indagine dell’Adusbef, l’Associazione Utenti Bancari Assicurativi e Finanziari, all’inizio del 2002 i correntisti non in convenzione, con 11 operazioni mensili, sostengono una spesa di gestione annua di oltre 705 mila lire, 364 euro…

L’Adusbef denuncia un aumento dei costi dei conti correnti: ormai paghiamo quasi un euro al giorno

Conti correnti sempre più cari. Secondo un’indagine dell’Adusbef, l’Associazione Utenti Bancari Assicurativi e Finanziari, all’inizio del 2002 i correntisti non in convenzione, con 11 operazioni mensili, sostengono una spesa di gestione annua di oltre 705 mila lire, 364 euro e 80 centesimi (1 euro al giorno). Rispetto a gennaio dello scorso anno, l’aumento medio è di 63 mila lire (+9,8%). L’indagine dell’associazione dei consumatori considera un uso medio basso del servizio: solo 11 operazioni mensili appunto, con il semplice utilizzo del Bancomat ed il pagamento delle rate semestrali di un mutuo. Sono invece esclusi i bonifici (che costano in media 3,7 euro), gli ordini permanenti, le operazioni in titoli ed i relativi costi di custodia, quelle di Pagobancomat. Il costo medio per operazione, precisa l’Adusbef, è ormai pari a 1,80 euro, quello di tenuta/chiusura del conto di 52,69 euro, quello per l’invio dell’estratto conto 1,34 euro.

Ma alla fine del mese il costo dell’utilizzo del Bancomat finirà per incidere notevolmente sulla spesa finale. Secondo i dati diffusi nei giorni scorsi dall’Associazione Bancaria Italiana, infatti, gli italiani, alle prese con la nuova moneta unica europea, hanno fatto ricorso massiccio al
Bancomat, anche per le piccole spese. Secondo i dati del rapporto Abi, il numero dei pagamenti effettuati con il Bancomat nei primi 15 giorni dell’anno è cresciuto del 61% rispetto allo stesso periodo del 2000 e l’importo medio delle operazioni è stato di 44 euro contro le 130 mila lire (67 euro) riscontrato fino a fine 2001. Analogo trend nel periodo di changeover per i prelievi che, seppur cresciuti come numero globale (+57% a quota 39 milioni) e per importo prelevato (5 miliardi di euro), si e’ attestato in media sui 130 euro (250 mila lire) contro le 280 mila lire del passato.
Ma il picco dei prelievi ai Bancomat, osserva l’Adusbef, nella benevola ipotesi che tutti i prelievi siano stati effettuati presso gli sportelli della propria banca finirà per costare agli utenti almeno 68,6 milioni di euro (133 miliardi di lire). L’Adusbef ricorda, infatti, che per i normali conti correnti, non soggetti ad agevolazioni o convenzioni speciali, ogni prelievo al Bancomat comporta un costo medio di 1,80 euro se effettuato presso gli sportelli della propria banca, del doppio (3,60 euro) se il prelievo è fatto agli sportelli di altri istituti. Le banche, sottolinea l’associazione, hanno aumentato le commissioni da 1,70 a 1,80 euro diminuendo il prelevabile da 500.000 lire a 250 euro (484.000 lire). Inoltre, conclude l’Adusbef, alcune banche hanno ulteriormente maggiorato di 500 lire (0,26 euro) il costo del prelievo nei giorni non lavorativi.

In Rete:
Adusbef
Abi

 

Matteo De Matteis

- -



Advertising