prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Promotori finanziari sicuri

gennaio 22, 2001 12:00 pm

In aumento in Italia il ricorso al risparmio alternativo: alcuni consigli per evitare brutte sorprese Non è un mistero che in Italia la “cara vecchia pensione” stia diventando ormai, per varie ragioni, una sorta di chimera, specialmente per chi è da poco entrato nel mondo del lavoro e ancor più per chi si appresta a…

In aumento in Italia il ricorso al risparmio alternativo: alcuni consigli per evitare brutte sorprese

Non è un mistero che in Italia la “cara vecchia pensione” stia diventando ormai, per varie ragioni, una sorta di chimera, specialmente per chi è da poco entrato nel mondo del lavoro e ancor più per chi si appresta a farlo. Tutta questa incertezza ha fatto sì che si sviluppassero delle modalità alternative di accantonamento, tramite delle forme di risparmio private, capaci di garantire una vecchiaia serena. Per andare incontro a questa nuova esigenza, da circa dieci anni è nata in Italia la figura del “Promotore Finanziario”, un operatore autorizzato ad incontrare i risparmiatori per offrire loro prodotti finanziari e possibilità di investimento al di fuori della sede di una banca o di una società di gestione del risparmio.
Ma, come in tutte le cose, bisogna usare un po’ di buon senso ed essere sempre ben informati, per non andare incontro a delusioni che, quando si tratta di soldi, possono risultare particolarmente cocenti.
Di seguito vi diamo qualche consiglio utile nel caso decidiate di rivolgervi ad un promotore finanziario per affidargli i vostri risparmi.

Al primo incontro
Il promotore deve consegnarvi due documenti: un’informativa contenente i diritti del risparmiatore e i doveri dell’operatore e una dichiarazione della società nella quale siano indicati i dati personali e titoli professionali del promotore, che deve essere iscritto all’Albo Nazionale.

Prima della firma
Vi devono essere illustrate chiaramente tutte le caratteristiche dell’investimento, gli eventuali rischi finanziari, la validità, le modalità di trasmissione degli ordini, la forma e il contenuto dei rendiconti periodici. Inoltre, il contratto stipulato, dovrà essere trasmesso immediatamente dal promotore alla società di intermediazione da cui dipende, in modo tale che, qualora cambino repentinamente le condizioni dei mercati finanziari, il cliente non ne subisca gli eventuali danni.

Oneri del contratto
Le commissioni e le spese devono essere indicati chiaramente sul contratto, in quanto andranno sottratte ai guadagni ed aggiunte alle perdite derivanti dall’investimento effettuato.

Versamento dei soldi
Non consegnate mai in contanti i vostri soldi, ma sempre con assegno non trasferibile: la maggior parte delle truffe avviene, infatti, attraverso mezzi di pagamento non corretti. I promotori iscritti all’Albo, comunque, non possono accettare modalità di pagamento diverse da quelle stabilite per legge.

Seguire l’investimento
Tenetevi sempre aggiornati sulle operazioni effettuate dal promotore, il quale deve farvi controllare frequentemente l’attività svolta e deve rendervi partecipe di ogni più piccola variazione al piano di investimento

In caso di dubbi
Se avete dubbi sulla regolarità della gestione del vostro risparmio o sulla correttezza del comportamento della società e/o dell’operatore, chiedete chiarimenti circostanziati con un reclamo scritto alla società di intermediazione da cui dipende il vostro promotore: la società è tenuta a rispondervi entro 90 giorni. In ogni caso, potete inviare un esposto alla Consob (Commissione Nazionale Società di Borsa) che provvederà ad effettuare i dovuti controlli.

In Rete:
Sito ufficiale della Consob nel quale si può trovare l’albo dei promotori finanziari e l’elenco delle società autorizzate
Sito dell’Associazione Nazionale dei Promotori Finanziari

 

Luciano Chicarella

- -



Advertising