prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Educhiamo a risparmiare l’acqua

settembre 22, 2011 12:44 pm

Insegniamo ai nostri bambini a non sciupare l’acqua, è un bene prezioso per la vita. Chiudere i rubinetti mentre si lavano i denti o si insaponano le mani è segno di rispetto. Ben nove miliardi: tanti saremo nel 2050 sul nostro pianeta. Per allora, sarà necessario avere a disposizione almeno il doppio dell’acqua utilizzata attualmente,…

Educhiamo a risparmiare l’acqua

Insegniamo ai nostri bambini a non sciupare l’acqua, è un bene prezioso per la vita. Chiudere i rubinetti mentre si lavano i denti o si insaponano le mani è segno di rispetto.

Ben nove miliardi: tanti saremo nel 2050 sul nostro pianeta. Per allora, sarà necessario avere a disposizione almeno il doppio dell’acqua utilizzata attualmente, per essere certi che l’intera popolazione mondiale possa dissetarsi e nutrirsi. Lo ha dichiarato di recente un rapporto del
Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (Unep) in collaborazione con l’Istituto internazionale di gestione dell’acqua (Iwmi), pubblicato in occasione dell’apertura a Stoccolma della Settimana mondiale dell’acqua, alla quale partecipano i delegati provenienti da 130 nazioni. L’esigenza idrica è già elevata adesso: per questo è bene rendere consapevoli i nostri figli, che nel 2050 saranno gli adulti protagonisti del mondo, insegnando ai bambini come risparmiare l’acqua.

Un problema soprattutto nelle città
Oggi sono circa 1,6 miliardi le persone che vivono in zone colpite periodicamente dalla siccità. Se non saranno messe in atto politiche per gli investimenti in infrastrutture idriche, in grado di seguire il ritmo dell’urbanizzazione, non sarà possibile compensare la mancanza di acqua che colpisce una percentuale sempre maggiore della popolazione, in particolare nelle città. Gunilla Carlsson, ministro degli Aiuti internazionali della Svezia, nel suo discorso di apertura ha dichiarato che, nelle zone urbane, 830 milioni di persone sono prive dei servizi di base di approvvigionamento idrico, una realtà che rappresenta la seconda causa di mortalità infantile e contribuisce alla mortalità delle madri. E in Italia? La situazione non è rosea: secondo il WWF Italia, il nostro paese è all’ultimo posto in Europa nell’applicazione della direttiva quadro Acque 2000/60/CE per la protezione delle acque superficiali e sotterranee, che avrebbe dovuto permettere di raggiungere il buono stato ecologico dei corsi d’acqua entro il 2015.

Trucchi per risparmiare acqua
L’acqua è insomma un bene prezioso e, per essere sicuri che venga gestita con oculatezza, è indispensabile che si impegnino i governi di tutto il mondo, soprattutto quelli degli Stati economicamente più avanzati. Qualcosa, però, possiamo fare anche noi, nel nostro piccolo, insieme ai nostri bambini, per evitare sprechi inutili per ogni forma di vita, ma purtroppo è anche un bene scarso, specialmente in alcune zone del modo. Ecco qualche trucco da applicare tutti i giorni per insegnare ai bambini come risparmiare l’acqua.

  • Non aprire i rubinetti al massimo
  • Non lasciare scorrere l’acqua inutilmente, se non serve (per esempio quando ci si lava i denti) chiudiamola
  • Preferire la doccia al bagno (si risparmiamo almeno 50 litri di acqua ogni volta) e lavare in questo modo i bambini non appena l’età lo consente
  • Non tenere aperta l’acqua mentre ci si insapona o si lava il bambino
  • Lavare i piatti in un catino o nella vasca del lavandino senza far scorrere continuamente l’acqua
  • Se si permette ai bambini di giocare con l’acqua, concedere loro una piccola bacinella e non permettere che tengano aperto il rubinetto
  • Usare lavatrice e lavastoviglie solo a piena carico
  • Lavare la frutta e la verdure lasciandole a bagno in una bacinella con bicarbonato, anziché sotto l’acqua corrente
  • L’acqua in cui sono state lavate le verdure può essere usata per annaffiare l’orto o i fiori
  • Controllare periodicamente l’impianto idrico e in caso di perdite, anche minime, chiamare immediatamente l’idraulico
  • Far installare uno scarico del water che permetta di usare solo la quantità di acqua che serve
  • Quando ci si reca in vacanza o ci si assenta per lunghi periodi da casa è bene chiudere il rubinetto centrale dell’acqua, per evitare perdite e disagi dovuti a rotture impreviste dell’impianto.

Con questi semplici accorgimenti, una famiglia media risparmierebbe circa 50.000 litri di acqua potabile all’anno…Pensate i milioni risparmiati in tutta Italia, se lo facessimo proprio tutti!

Leggi anche
Come risparmiare sull’acqua
Ma i neonati devono bere?
Le fantastiche avventure dell’acqua

 

Giorgia Andretti

- -



Advertising