prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Bambini in ufficio

marzo 4, 2002 12:00 pm

Gli asili nido aziendali diventano realtà anche in Italia: noi abbiamo visitato quello di Servizi Interbancari Finalmente, anche se purtroppo ancora timidamente, cominciano ad affacciarsi anche nella realtà lavorativa italiana gli asili nido aziendali. Si tratta di strutture che offrono indiscutibili vantaggi alle mamme lavoratrici, perché sono a due passi dai luoghi di lavoro, se…

Gli asili nido aziendali diventano realtà anche in Italia: noi abbiamo visitato quello di Servizi Interbancari

Finalmente, anche se purtroppo ancora timidamente, cominciano ad affacciarsi anche nella realtà lavorativa italiana gli asili nido aziendali. Si tratta di strutture che offrono indiscutibili vantaggi alle mamme lavoratrici, perché sono a due passi dai luoghi di lavoro, se non addirittura nello stesso edificio, hanno orari flessibili e prolungati e rette non troppo elevate. Tra le iniziative più recenti va segnalata quella di Servizi Interbancari, la società che gestisce CartaSì, che nella grande sede in Corso Sempione a Milano ha realizzato, grazie anche ad un contributo del Comune destinato a progetti di questo tipo, un asilo nido che non poteva che chiamarsi “I CuccioliSi”.
“Servizi Interbancari è la prima impresa milanese a dotarsi di una struttura di questo tipo – spiega Luisa Rovida, responsabile Comunicazione e Relazioni Esterne – Una società giovane e dinamica come questa ha sentito l’esigenza di offrire una struttura del genere ai propri 672 collaboratori, considerando il fatto che il 58% di essi sono donne con una età media intorno ai 34 anni”.

L’organizzazione della struttura
Inaugurata il 24 settembre 2001, la struttura dell’asilo è stata realizzata al primo piano del grande palazzo di cristallo che ospita la società, con ingresso agevolato anche per chi proviene dall’esterno e in posizione distaccata dagli uffici: sul piano infatti vi sono solo sale riunioni e l’Auditorium.
Per venire incontro alle esigenze del personale che lavora in Azienda (anche in settori attivi 24 ore su 24), e presso le Società collegate, l’asilo è attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 20.00, per undici mesi l’anno tranne il mese di agosto “con la possibilità però di aprire anche il sabato e ad agosto su richiesta – spiega Luisa Rovida – di almeno 16 bambini”.
Questa straordinaria città dei bambini rossa, arancione e blu, si estende su una superficie di 425 mq coperti, “cui si aggiunge una grande terrazza, attrezzata per i giochi all’aperto utilizzabile durante la bella stagione”. In tutta la struttura i bambini possono scorazzare liberamente e senza correre alcun pericolo: i locali infatti sono stati interamente realizzati con materiali anallergici, ignifughi e anti-urto di ultima generazione, adottando soluzioni tecnologicamente all’avanguardia. L’impianto di aerazione, ad esempio, è in grado di eliminare gran parte dei batteri e mantenere un elevato grado di purezza dell’aria.

La gestione dell’asilo nido
Per passare il tempo i bambini hanno a disposizione tantissimi giochi adatti alle diverse fasce d’età: scivoli, ponti di plastica, cubi, cilindri e anche una piscina piena di palle colorate. “Inoltre – aggiunge Luisa Rovida – i bambini, seguiti da personale qualificato, svolgono attività di manipolazione, giochi di movimento, riempimenti e travasi, vestirsi e travestirsi, gioco libero, psicomotricità a livelli diversi secondo l’età del bambino”.
La gestione del nido è affidata a BabyWorld, società specializzata nel settore, in stretta collaborazione e supervisione da parte del personale di CartaSì. Questa società offre personale altamente qualificato tra cui una pedagogista, educatrici per i bambini più grandicelli e puericultrici per i più piccoli. Il rapporto educatori-bambini è di 1 a 5 per i lattanti e di 1 a 8 per i più grandicelli.
Nonostante la notevole vicinanza, ai genitori non è permesso fare visite ai loro figli durante il giorno perché come ci spiega la Rovida “questo trova d’accordo sia esigenze lavorative aziendali che didattiche dell’asilo e sarebbe controproducente per i bambini stessi”.
Per quanto riguarda la mensa, i pasti dei bambini già svezzati, vengono preparati da Sodexco (la società che da anni gestisce la mensa aziendale) secondo regole e proporzioni dietetiche appositamente studiate per loro. Per i lattanti invece, viene utilizzata la piccola, ma ben attrezzata cucina, allestita all’interno del nido, dove le puericultrici possono preparare le pappe con gli ingredienti portati dagli stessi genitori.

Interni, esterni e tariffe differenziate
“La struttura – aggiunge la responsabile della Comunicazione – è in grado di ospitare fino a 60 bambini, di età compresa fra i 4 e i 36 mesi, tra figli di dipendenti di Servizi Interbancari e delle altre società del Gruppo. Va specificato però che, avendo ricevuto un contributo dal Comune di Milano per la realizzazione della struttura, questo ci vincola a riservare il 15% dei posti disponibili ai bambini residenti in zona, in lista di attesa per gli asili-nido comunali. Anche se in ufficio ci lavora il papà e non la mamma, si può usufruire lo stesso dell’asilo: molti colleghi-papà infatti arrivano in ufficio con i loro bambini e li accompagnano personalmente al nido”.
Per un bambino qui tutto è bellissimo e straordinario. Ma la qualità naturalmente ha un prezzo. “L’asilo non è gratuito – spiega Luisa Rovida – ma consente ai dipendenti di usufruire di condizioni agevolate rispetto alle tariffe di mercato. Attualmente la retta per i dipendenti è di 371,85 euro al mese (720.000 lire) per 8/9 ore di permanenza, mentre per gli esterni la quota sale a 449,32 euro (870.000 lire) a cui va aggiunta la quota di iscrizione annua pari a 154.94 euro (300.000). Alla retta si deve aggiungere poi il buono pasto di 4,65 euro (9.000 lire)”.

Come era prevedibile l’esperienza ha raccolto fino ad oggi solo commenti positivi. “I pareri dei genitori che usufruiscono del servizio per i loro figli – assicura la Rovida – sono tutti di estrema soddisfazione, sia per la bellezza della struttura che per la piacevolezza dell’accoglienza”. Così come positivi sono stati i commenti dei rappresentanti di altre realtà imprenditoriali che hanno visitato l’asilo nido di CartaSì e che sembrano intenzionate a seguire l’esempio. Speriamo sia davvero così, speriamo che alle intenzione seguano presto altre inaugurazioni..

In Rete:
Cartasì
BabyWorld

 

Domizia Luzzi

- -



Advertising