prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

27 maggio, bimbi in ufficio con mamma e papà

maggio 23, 2016 10:00 am

Al lavoro con mamma e papà: è una buona idea per i nostri bambini, possono vedere il luogo dove i genitori si recano quando escono di casa e dove trascorrono molte ore al giorno.

Sembra un’iniziativa tipicamente americana e, invece, è una realtà ormai anche italiana: la giornata dei bimbi in ufficio con mamma e papà si celebra anche quest’anno per la ventiduesima volta, per iniziativa di due importanti quotidiani italiani. Quest’anno sarà venerdì 27 maggio ed è un’occasione per rassicurare il bambino, educarlo e renderlo consapevole dell’impegno dei genitori. La redazione di Guidagenitori.it aderisce all’iniziativa ed apre le porte ai nostri bambini.

Bambini in ufficio con mamma e papà
Venerdì 27 maggio, insomma, società, enti pubblici e privati, aziende, associazioni e studi professionali permetteranno ai figli dei dipendenti di fare il loro ingresso sul luogo di lavoro di mamma e papà. L’iniziativa ha riscosso un notevole successo per le scorse edizioni, tanto che gli organizzatori sperano di arrivare ad almeno 200 realtà lavorative aderenti. Ma non si tratterà solo di un giro attorno alla scrivania per provare a toccare il pc: saranno organizzati giochi, gare di disegno, momenti di intrattenimento per il divertimento dei bambini, ma anche dei genitori-lavoratori. E non solo loro: la Samsung, per esempio, permette anche ai partner e ai nonni dei bimbi di andare in ufficio. Wind e Ikea organizzeranno eventi per sensibilizzare i più piccoli su temi come le differenze culturali e i diritti all’infanzia. Wind, nelle sue 40 sedi in Italia, organizza incontri che per tema avranno i cinque continenti, le culture diverse e la connessione che abbatte le barriere. Ikea aderisce alla campagna di Save the Children – Illuminiamo il mondo. Così i bambini che vanno a trovare i genitori potranno conoscere tanto di tutto su coetanei meno fortunati: capiranno che tutti i bambini hanno il diritto di giocare, di essere nutriti, protetti ed educati.

Un momento di educazione per tutti
Oltre alle lodevoli iniziative che mirano a rendere i bambini più consapevoli, andare a trovare il papà e la mamma al lavoro è importante perché si tratta di un’occasione di estrema importanza. Il tema del lavoro dei genitori è infatti un argomento delicato, di cui è bene rendere consapevoli i bambini al più presto, non appena sono in grado di capire. Infatti, i papà che sono sempre molto impegnati al lavoro possono essere percepiti come figure distanti dai figli e spesso sono nervosi perché carichi di responsabilità. Vedere i papà nel posto di lavoro serve a rendere i bambini più consapevoli dell’impegno che una professione comporta, di qualunque tipo essa sia. Serve a rendere anche il papà più vicino, a far capire ai bambini il valore del lavoro e della fatica che si impiega per guadagnare del denaro, quel denaro troppo spesso speso in oggetti futili. Lo stesso vale per le mamme, che vivono in un perenne senso di colpa, percepito dai bambini che non di rado si avvalgono della scusa del – non ci sei mai – per piccoli ricatti che mirano a ottenere qualcosa. Vedere una mamma attiva, impegnata, che non perde il sorriso nemmeno quando alle 7 di sera deve ancora fare il bucato e cucinare, è un modo per riportare i bambini in una realtà attuale, aiutandoli a crescere, a maturare e ad essere grati per quello che hanno: imparando, perché no, a dare il loro contributo.

Lina Rossi

- -



Advertising