prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

In vacanza con Fido e Micio

giugno 17, 2010 12:32 pm

I piccoli amici di casa soffrono il caldo, possono essere attaccati da parassiti e sentire la nostalgia di casa. Vediamo insieme come farli sentire felici durante i mesi estivi. I nostri bambini hanno aspettato tutto l’anno per godersi la compagnia dei piccoli animali domestici: correre con il proprio cane in un prato, lanciargli la pallina,…

In vacanza con Fido e Micio

I piccoli amici di casa soffrono il caldo, possono essere attaccati da parassiti e sentire la nostalgia di casa. Vediamo insieme come farli sentire felici durante i mesi estivi.

I nostri bambini hanno aspettato tutto l’anno per godersi la compagnia dei piccoli animali domestici: correre con il proprio cane in un prato, lanciargli la pallina, coccolare il gattino in pieno relax davanti a un cartone animati sono momenti impagabili per i ragazzini in vacanza. I cani e i gatti, però, nei mesi caldi possono stare peggio che nelle altre stagioni. Infatti soffrono molto il caldo e possono essere preda di parassiti, responsabili di malattie serie per i quattro zampe. A volte sono a disagio durante i viaggi in auto e una volta arrivati nella casa di vacanza possono sentirsi disorientati. Qualche piccolo accorgimento tutela la loro serenità e la salute. E, di riflesso, anche la nostra e quella dei nostri figli.

Lotta ai parassiti
Già a partire dalla primavera e poi per tutta l’estate, esiste il rischio che il pelo di cani e gatti venga infestato dalle pulci. Questi piccoli parassiti si nutrono del sangue degli animali a sangue caldo e possono passare anche all’uomo. Per questo è indispensabile applicare una volta al mese un prodotto repellente. Ne esistono di diversi tipi, anche estratti da sostanze naturali, in grado di tenere lontane le pulci. Questi stessi prodotti sono efficaci anche contro le zecche, insetti che vivono solitamente nell’erba alta e incolta in campagna e in montagna. Come le zanzare, le zecche si nutrono di sangue e per i cani, soprattutto, costituiscono un pericolo serio perché ne assumono una quantità così elevata da debilitare fortemente l’animale, soprattutto se è cucciolo. Se si ha intenzione di dedicarsi, come è giusto, a lunghe scampagnate con la famiglia, in compagnia del proprio quattro zampe, un buon antiparassitario è quindi d’obbligo. Nelle zone di mare, lungo le coste del Mediterraneo e nelle isole, sono invece diffusi i pappataci o flebotomi, insetti alati di piccolissime dimensioni che trasmettono al cane una malattia molto pericolosa: la leishmania. L’unico modo per difendere Fido è applicare repellenti specifici che tengono lontani gli insetti. Esistono in spray, pipette da applicare tra le scapole e in collari. Sono disponibili formulazioni combinate anche per pulci e zecche.

Portare con sé tutti i documenti
Un’altra malattia del cane diffusa in Italia, soprattutto nelle zone umide, è la filariosi, che è trasmessa dalle zanzare e che può causare complicazioni di tipo cardiopolmonari alla bestiola. Per prevenirla è possibile effettuare una vaccinazione della durata di un anno oppure somministrare periodicamente al cane compresse appetibili per scongiurare il rischio di contagio. Se ci si reca con il cane in paesi della Comunità Europea è obbligatorio anche praticargli la vaccinazione contro la rabbia. L’avvenuto vaccino deve essere poi registrato su uno specifico passaporto dell’UE per gli animali da compagnia. Il passaporto si ottiene presso la Asl veterinaria di zona, dopo aver effettuato la vaccinazione antirabbia e dietro presentazione di certificato di iscrizione all’anagrafe canina. Oltre al passaporto, che serve per l’estero, anche se si resta in Italia è bene avere con sé il libretto sanitario, che deve essere in regola con le vaccinazioni di routine e sempre a portata di mano. Potrebbe essere richiesto in alberghi, campeggi e spiagge con accesso ai cani.

In vacanza come a casa
Gli animali domestici sono come eterni bambini, che possono sentire la nostalgia di casa arrivando in un posto nuovo. Quando si parte per le vacanze è quindi bene preparare una piccola borse con l’occorrente per far sentire il quattro zampe a proprio agio. Per il cagnolino si deve portare la pappa, le ciotole, la cuccia, una museruola, i sacchettini per le deiezioni, un telo solo per lui da appoggiare sulla sabbia o sui prati, l’occorrente per la pulizia. Indispensabile qualche gioco che gli ricordi casa sua. Al micio occorrono le ciotole, la cassetta, la sabbia, le palette, la spazzola, il collare con i numeri di telefono, il tiragraffi e i suoi giochini. Utili per entrambi le salviette profumate, anche quelle per i bambini, per pulirli e rinfrescarli. Se la bestiola soffre durante il viaggio è meglio lasciarla a stomaco vuoto, somministrando pochissima acqua fresca a poco a poco. Se il viaggio è lungo e si rischia di andare incontro a turbolenze – come può succedere in nave – si può chiedere al veterinario di indicare un prodotto contro i disturbi da viaggio. È anche utile avere con sé un piccolo kit con i medicinali essenziali (come facciamo anche per i nostri bambini): un antidolorifico, un antibiotico in caso di ferite e un laccio emostatico. Ricordiamo infine che gli animali a pelo soffrono il caldo. È quindi giusto rispettare le loro esigenze di riposo, senza forzarli al gioco. I cani che vengono in spiaggia o a passeggio con noi nei prati, devono poter contare su un luogo fresco e ombroso dove riposare e avere sempre a portata una ciotola di acqua fresca. Non dimentichiamo infine che una bestiola ben educata è meglio accetta ovunque.

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI