prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Interpretare e conquistare un uomo, piccoli suggerimenti da collaudare

aprile 9, 2012 12:00 pm

Se vi è capitato di non comprendere alcuni atteggiamenti del vostro compagno di vita, con queste poche righe vogliamo guidarvi a riconoscere, apprezzare e stimolare il suo personale modo di essere.

Il tuo lui è stato cresciuto come il classico e tradizionale buon padre di famiglia? Non dobbiamo mai dimenticare che gli uomini imparano dai loro padri, apprendono il loro ruolo guardandoli ed ascoltando le loro parole. Se è così anche per voi, vorremmo aiutarvi a decifrare alcuni suoi comportamenti che, all’apparenza, potrebbero sembrare incomprensibili. Abbiamo estrapolato alcuni modi di fare tipici degli uomini e cercato di interpretarli.

Fatica a verbalizzare i propri sentimenti
L’uomo ha maggior difficoltà a parlare dei propri sentimenti: delle sensazioni si può discutere apertamente, ma quando ad essere messi allo scoperto sono i sentimenti più profondi, la reticenza è pronta ad opporre il suo muro di difesa. Potete allora provare a farlo esprimere in modo diverso: chiedetegli, ed anche spesso, quale sia stato il suo primo pensiero quando vi ha conosciuta, oppure, se gli sia mai capitato di provare il classico tuffo al cuore quando, ai primi appuntamenti, arrivavate in ritardo. Le sue risposte riveleranno quale era ed è il suo sentimento verso di voi. Anche se non lo ha mai espresso apertamente, le sensazioni parleranno per lui, manifestandolo.

E’ più facile dire ti amo con le azioni
Per alcuni uomini è molto più semplice dimostrare l’amore concretamente, che dire “ti amo”. Ad esempio, attraverso le piccole azioni quotidiane: mettere in ordine il terrazzo, portare la spazzatura nella differenziata , dare da bere alle piante o togliersi le scarpe quando rientra la sera. Avere attenzioni per la vostra casa equivale a manifestarvi tutto il suo amore. Qualunque intervento non richiesto per la casa ha tutto il sapore di un “ti amo”.

Gli uomini hanno bisogno di tempo per loro stessi
Le attività portate avanti in comune sono importanti, ma non dimentichiamo che anche gli uomini hanno bisogno di tempo per se stessi. Se il vostro lui ama il calcetto, il tennis, il giardinaggio o la palestra, incoraggiatelo a coltivare i suoi hobby: avrete più tempo per voi stesse. Il tempo libero trascorso in autonomia, e non all’interno della coppia, stimola continuamente il rapporto. Al rientro a casa non ci saranno i silenzi del “tanto lo abbiamo fatto insieme, quale è l’utilità del parlarne?” Il rientro a casa da situazioni diverse stimola la coppia a raccontarsi. Ecco perché è utile coltivare la propria individualità, si ha decisamente molto di più da offrire al partner.

L’uomo e la sessualità
Gli uomini pensano molto al sesso, certo non è un segreto, ma è utile sapere che la maggior parte degli uomini sotto i 60 anni pensano al sesso almeno una volta al giorno, a differenza delle donne, che solo per un quarto pensano al sesso tutti i giorni. E non è tutto. Gli uomini fantasticano sul sesso quasi due volte più spesso delle donne ed inoltre le loro fantasie sono molto più variopinte. Infatti sono più propensi al sesso occasionale rispetto alle donne: anche se, a dire il vero, la fantasia spesso resta tale e non si traduce in atto. Per molti uomini il sesso è molto importante tra due persone che si amano e, proprio come la maggior parte delle donne, anche gli uomini trovano l’intimità sessuale all’interno della coppia decisamente più soddisfacente. E’ superfluo spiegarne i motivi: i partner all’interno di un rapporto stabile sanno cosa soddisfa il compagno o la compagna meglio di chiunque altro. Ciò che gratifica l’uomo è sicuramente quando non è lui a prendere l’iniziativa: lui ha bisogno di sentirsi conquistato e stimolato. Questo tipo di premessa quasi sempre alza il livello della soddisfazione finale per entrambi. Il maggior piacere per un uomo è vedere la propria partner appagata attraverso di lui, ecco perché comunicarlo è importante: impariamo a dirgli ciò che ci fa maggiormente piacere. Troppe donne provano disagio a parlarne, ma questo ostacolo deve essere superato.

La sindrome da mal di testa e l’ansia da prestazione
Gli uomini, con grande sorpresa di molte donne, non sono sempre in vena di fare sesso.
Proprio come accade per noi donne, gli uomini sono stressati dalle esigenze del lavoro, della famiglia, dalle bollette da pagare o dall’assicurazione in scadenza. Purtroppo lo stress si rivela un potente anestetico della libido. Quando il vostro compagno vi sussurra: “non stasera”, non vuol dire che ha perso interesse per voi. Vuol dire semplicemente che non vuole fare sesso in quel momento. Ed ancora, man mano che gli uomini avanzano negli anni, può farsi strada l’ansia da prestazione. Il tuo lui potrebbe iniziare a preoccuparsi per il suo stato fisico e la sua resistenza. Se dovesse verificarsi questa situazione, il vostro lui dovrà essere aiutato con la rassicurazione ed il rilassamento: pur rimanendo concentrati sul piacere del momento, il sesso diventerà meno stressante. Da non dimenticare mai: se un uomo non si sente amato e apprezzato nella sua relazione sessuale, cercherà la soddisfazione altrove.

Dott.ssa Rosalba Trabalzini
Psichiatra, psicoterapeuta, laureata in Psicologia medica

- -


ARTICOLI CORRELATI