prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Così i papà aiutano le future mamme

marzo 23, 2010 12:29 pm

Partecipare al corso pre-parto, aiutare in casa, preparare la cameretta, organizzare fughe romantiche . Le mosse giuste per regalare alla vostra partner, affetto, serenità e riposo. Lei porta in giro il suo pancione e, forse un po’ stanca e preoccupata, conta i giorni al termine presunto della gravidanza. E voi? Voi padri, cosa state facendo?…

Così i papà aiutano le future mamme

Partecipare al corso pre-parto, aiutare in casa, preparare la cameretta, organizzare fughe romantiche . Le mosse giuste per regalare alla vostra partner, affetto, serenità e riposo.

Lei porta in giro il suo pancione e, forse un po’ stanca e preoccupata, conta i giorni al termine presunto della gravidanza. E voi? Voi padri, cosa state facendo? Forse vi sentite un po’ esclusi da quello che sta avvenendo, ma farsi da parte sarebbe un errore. Più che mai, durante i nove mesi, lei ha bisogno di voi, della vostra presenza, del vostro affetto. Avete mille modi per dimostrarlo e renderla più felice e più serena. Noi ve ne suggeriamo qualcuno.

Accompagnatela dal medico
Le visite dal ginecologo, le analisi, le ecografie, i monitoraggi. I nove mesi sono segnati da numerosi appuntamenti medici: alcuni più emozionanti, come le ecografie, altri più noiosi, come le semplici analisi. Tutti vi riguardano, così come riguardano lei. Segnatevi le date sulla vostra agenda di lavoro e cominciate, con l’anticipo necessario, ad organizzarvi per non mancare. Condividere queste esperienze è importante: vi permette di comunicarle che voi ci siete, siete pronto a vivere con lei tutto quello che questa nuova avventura di coppia comporta. Partecipare, poi, vi permetterà di avere maggiori informazioni su quanto sta accadendo e di sentirvi meno escluso.

Partecipate al corso pre-parto
Stesso discorso per il corso pre-parto. Si tratta di un altro appuntamento importante da condividere insieme. Soprattutto se avete deciso di assistere al parto, non potete mancare agli incontri che saranno dedicati al travaglio e all’utilità della vostra presenza. “Ma con il lavoro come faccio?”: siamo certi, è il vostro pensiero. Usate i mesi di gravidanza come “allenamento”, imparando a delegare, a dire di “no” all’ennesima incombenza, a rifiutare qualche straordinario. Vi tornerà utile, quando nascerà il piccolo ed il desiderio di stare con vostro figlio vi renderà insopportabili le lunghe giornate di lavoro. Le vostre assenze durante la gravidanza, avranno abituato quanti lavorano con voi a rispettare le vostre esigenze personali.

Preparate insieme la cameretta del bambino
La preparazione della stanza del piccolo è un’altra occasione per stare vicino alla vostra partner. C’è da scegliere la carta da parati, i mobili, il lettino, le tende e, forse, c’è da riorganizzare anche un po’ la casa, visto che il bimbo in arrivo vi “ruberà” lo studio o, almeno, un po’ di spazio in armadi e cassetti. Non vi tirate indietro, impegnatevi almeno a partecipare alla scelta finale: quando lei avrà individuato le alternative che le sembrano più adatte, accompagnatela per negozi per scegliere insieme la soluzione migliore.

Organizzate delle fughe romantiche
Una gravidanza incide sempre nel rapporto di coppia, soprattutto se quello in arrivo è il primo figlio. La straordinaria trasformazione fisica è inevitabile fonte di incertezze per una donna, che si vede meno bella e si sente spesso non desiderabile. Spetta a voi farle capire che le cose stanno diversamente, costruire momenti di serena intimità. Un fine settimana fuori città, organizzato a sorpresa, in un posto romantico, è sempre un regalo bellissimo. Ma anche un pic-nic in un prato, nel bel mezzo delle settimana, può essere un’occasione per condividere le emozioni dell’attesa.

Aiutatela a riposare
Negli ultimi mesi, il pancione si rivela faticoso: i movimenti sono limitati, la schiena fa più male, le gambe si gonfiano. E’ arrivato il momento di rimboccarsi le maniche. Se siete tra quegli uomini che, in condizioni di normalità coniugale, godono del privilegio di non occuparsi della faccende domestiche è giunto il momento di cambiare registro. Potete occuparvi di fare la spesa, di pulire le finestre (per evitare che salga su scale e sgabelli), di mettervi ai fornelli. Con l’arrivo delle ultime settimane, cresce, per stanchezza, la tendenza all’isolamento. Una bella cena con gli amici l’aiuterà, invece, a distrarsi. Se non sapete preparare neppure due penne all’arrabbiata potete sempre ricorrere ad uno servizio di catering. L’arrivo in casa, a sorpresa, di una cena con i fiocchi sarà un regalo indimenticabile.

 

Matteo De Matteis

- -



Advertising