prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Nonni in internet, la navigazione sta funzionando da anti-depressivo

aprile 30, 2014 3:30 pm

Scambi di foto, messaggi, possibilità di vedere via cavo parenti e nipoti lontani: ed è così che Internet si rivela un sistema efficace per far sentire meno soli gli anziani, aiutando anche a combattere forme depressive.

Internet è stato fin troppo demonizzato negli ultimi tempi, soprattutto per quanto riguarda i rischi di un uso incontrollato da parte dei giovanissimi. C’è però una categoria di persone alla quale la rete sembra far del bene, eccome: si tratta dei nonni e, in generale, delle persone anziane. I pensionati, infatti, se non abitano vicino a parenti e amici talvolta hanno la tendenza a ridurre i contatti sociali, soprattutto se hanno qualche problema di salute o delle difficoltà nella deambulazione da trattenerli troppo spesso in casa. Per questo motivo il computer con accesso a internet rappresenta per gli anziani una semplice e comoda finestra sul mondo, moderna e accessibile oggi ad un costo contenuto.

Nonni multimediali, nonni sereni
A dimostrare l’effetto benefico dell’uso del PC sugli anziani è una indagine condotta su oltre 3.000 pensionati americani, uomini e donne, condotta dai ricercatori della Michigan State University, pubblicata su The Journal of Gerontology. I soggetti sono stati sottoposti ad alcuni questionari psicologici e sullo stile di vita. Il 30 % del campione usava il computer a casa. È emerso che un anziano su tre era meno depresso, con sintomi inferiori in media del 33%, rispetto a chi invece non aveva accesso alla rete. Inoltre in chi vive da solo gli effetti benefici sono ancora superiori. Gli autori della ricerca incoraggiano figli, nipoti e parenti ad insegnare agli anziani ad usare il computer anche quando superano gli 80 o i 90 anni di età. Internet infatti è un ottimo strumento di integrazione sociale e, con un po’ di esercizio, anche ad una età avanzata si può imparare facilmente a scrivere e-mail, allegare foto, chattare e quindi navigare e distrarsi. Non è necessaria una grossa spesa: oggi un computer portatile si può acquistare con poche centinaia di euro e può essere un regalo gradito per un nonno, da parte di figli e nipoti che decidono di acquistarlo tutti insieme. Anche i computer usati oggi si trovano a prezzi ancora inferiori e nulla vieta di regalare al nonno un proprio computer, magari un po’ lento per i programmi di musica o di computer grafica, ma ancora validissimo per le esigenze dei nonni.

Che cosa può fare un nonno al computer
Attraverso internet una persona anziana può risolvere anche piccole beghe quotidiane, come per esempio fare la spesa quando fuori piove o fa freddo, pagare le bollette, controllare il proprio conto in banca senza uscire di casa. È necessario, ovviamente, un po’ di allenamento: per questo i nonni vanno aiutati a capire come funzionano i programmi, come si accede al sito della banca e al proprio conto, memorizzando le password o, meglio ancora, segnandole in un posto sicuro. A tal proposito è bene ricordare che anche gli anziani corrono qualche rischio in rete, ovviamente diverso da quelli ai quali sono esposti i nipoti. Le persone di una certa età possono però incorrere in truffe in cui si chiede loro di comunicare il conto in banca o in posta, oppure possono ricevere e-mail che propongono vendite di farmaci o di altri prodotti non autorizzati: è importante che i nonni siano resi coscienti di queste possibilità, altro non sono che la forma più subdola e moderna delle truffe porta a porta. Inoltre l’avere il PC non deve essere la scusa per ridurre ancora di più le uscite di casa, le passeggiate, gli incontri con amici per un caffè o anche solo una chiacchierata. Infatti le persone per stare bene hanno un gran bisogno di contatti sociali e di fare movimento, come sempre la moderazione è d’obbligo e questo vale per tutti: nonni e nipoti.

Giorgia Andretti

- -



Advertising