prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Vivono più a lungo e lontano dalle malattie quei nonni attivi nel corpo e nella mente

settembre 13, 2012 12:20 pm

Il moto e gli interessi fanno bene e questo vale ad ogni età, anche se non più giovanissimi. Se i nonni imparassero a vincere l’inattività mantenendo attivi gli interessi e le amicizie, si assicurerebbero una vita più sana e felice.

Una sana attività fisica è importante per la salute del nostro corpo. Una regola, questa, che vale a ogni età. A confermarcelo è uno studio svedese del Karolinska Institute. I ricercatori hanno osservato 1800 persone con più di 75 anni, pubblicando i risultati sul British Medical Journal – BMJ. L’analisi si è sviluppata in un arco temporale di 18 anni durante i quali è emerso un andamento davvero sorprendente: gli uomini attivi arrivano a guadagnare 6 anni di vita in più, superando di fatto le donne che si fermano a 5. Inoltre, si è osservato che i fumatori morivano un anno prima rispetto ai non fumatori.

In pensione ma con grinta
Lo studio condotto dal Karolinska Institute non lascia alcun dubbio: fare sport, camminare e mantenersi attivi permette di vivere più a lungo. Questo non vuol dire che le persone di una certa età debbano improvvisamente dedicarsi a una faticosa attività fisica, soprattutto se non sono allenati. Al contrario una moderata attività fisica, insieme con un’alimentazione corretta e a una sana vita sociale permetterà di raggiungere quella forma fisica e mentale ideale per stare bene e quindi vivere di più. E’ vero che, una volta raggiunta l’età della pensione, alcuni si adagiano nell’ozio con la scusa di godersi il meritato riposo. Eppure fermarsi potrebbe essere pericoloso per la salute. Il fisico, abituato a un certo stile di vita, potrebbe risentire di un improvviso arresto. I pensionati devono dunque godersi il riposo e la tranquillità tanto desiderata durante le fatiche lavorative, ma senza diventare pigri. Non dimentichiamo che muoversi non fa bene solo al cuore o alla linea, ma migliora l’umore, favorisce i rapporti con le altre persone e migliora la qualità della vita. Ovviamente è bene ricordare che prima di intraprendere una qualsiasi attività fisica, soprattutto per le persone da sempre sedentarie, sarebbe opportuno consultare il medico curante. Nessuno meglio di lui sa consigliare quale attività scegliere e con quale frequenza seguirla.

Al bando i ferri da ricamo e il bastone
Via libera prima di tutto a lunghe passeggiate, sport, viaggi e rapporti sociali. E’ necessario rimanere attivi e vitali per il proprio benessere. In effetti, la fotografia dei nonni di oggi mostra uno spaccato sicuramente confortante. Sempre meno sedentari e sempre più impegnati in svariate attività: farebbero impallidire un quarantenne. Perché è importante rimane attivi, soprattutto dopo una certa età? I vantaggi riguardano sia l’aspetto fisico sia quello psicologico. Muoversi comporta sicuramente il consumo di calorie. Si bruciano i grassi e se ne riducono sensibilmente le riserve nel nostro organismo che sono presenti anche sotto forma di colesterolo e trigliceridi. Tenere sotto controllo questi valori, con una moderata attività fisica e con una corretta alimentazione, preserva l’organismo dal rischio d’ictus e altri disturbi dell’apparato cardiocircolatorio. Non dimentichiamo una patologia purtroppo molto frequente, il diabete. Consumando l’energia si aiuta l’organismo a prevenire il diabete o la sua comparsa. Infatti, prima ancora che i grassi l’attività fisica brucia gli zuccheri, come il glucosio, che nel sangue delle persone con diabete è a livelli elevati. A beneficiare di uno stile di vita attivo e sano è anche il cuore. Impegnato in uno stimolo maggiore, il nostro muscolo più importante si esercita col tempo a diventare più forte, grazie alle maggiori pulsazioni dovute allo sforzo fisico che comunque, ricordiamo, deve essere sempre rapportato alle proprie condizioni di salute e monitorato dal medico di fiducia.

Non solo benefici per il fisico
Mantenersi attivi è importante non solo per il benessere del corpo. Anche l’aspetto psicologico ne risente in maniera positiva. Sentirsi vitali, utili e in forma aiuta a cambiare la percezione di sé. Soprattutto con l’avanzare dell’età, quando il ruolo di una persona nella società è piuttosto limitato, riprendere un’attività fisica, incontrare gente, permette di sentirsi ancora vivi. Ad esempio frequentare una palestra oppure un centro ricreativo o ancora accompagnare i nipotini a scuola o in piscina è l’occasione giusta per incontrare persone nuove, per stringere amicizie e per mantenere attivi i rapporti sociali, fondamentali per il benessere di ciascuno di noi. Non dimentichiamo che incontrare gente incentiva a prendersi cura di sé, aiutando anche a combattere i disturbi depressivi di cui soffrono spesso gli anziani, in particolare coloro che vivono soli.

Sonia Chiappetta

- -


ARTICOLI CORRELATI