prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Avere uno o più figli equivale a disporre dell’elisir di lunga vita

dicembre 19, 2012 11:02 am

Non è uno spot pubblicitario ma una realtà scientifica: avere figli allunga la vita ai genitori. Lo ha dimostrato uno studio danese, mamme e papà non solo sono più felici e sani ma corrono meno rischi di avere incidenti.

Avere figli fa vivere più a lungo. Era solo un’ipotesi ma finalmente uno studio scientifico ha dimostrato che mettere al mondo un bambino è come somministrarsi un’iniezione di fiducia e di ottimismo. Fare figli si pone come una risposta a questa crisi che sembra priva di soluzione, una riprova di quanto i bambini rappresentano veramente il futuro e non solo per i propri genitori ma per l’umanità intera. Lo studio in questione è danese ed è stato pubblicato sul ‘Journal of Epidemiology and Community Health’. Le conclusioni della ricerca invoglieranno, si spera, le coppie ad avere più speranze per il futuro e a capire che avere figli è meraviglioso, nonostante tutto. Gli eterni Peter Pan, coloro che non si decidono a mettere su famiglia non potranno più avvalersi della scusa: “non è giusto mettere al mondo bambini al quale non si può garantire felicità e sicurezza”. Perché, a quanto pare, gli artefici della nostra felicità e sicurezza sono proprio loro: i figli.

I bambini allungano la vita
Gli autori dello studio hanno condotto una ricerca, nel corso degli anni, su oltre 21 mila coppie sottoposte alla procreazione assistita. Lo studio è durato a lungo ed entrambi i genitori sono stati monitorati nel tempo. Lo studio ha fatto emergere di quanto le persone che non avevano avuto bambini morivano più precocemente rispetto a quelle invece divenute genitori. Le cause del decesso erano incidenti, malattie cardiovascolari e tumori. Eventi “naturali” che però, per qualche ragione, accadevano decisamente di meno nelle persone con figli. Il dato sorprendente è: coloro che non hanno figli corrono un rischio doppio, nel caso degli uomini e addirittura quadruplo, nel caso delle donne. Gli autori hanno ammesso che non è provato il nesso causa-effetto e che l’indagine dimostra solo un legame tra la mancanza di figli e la morte in età più precoce. Sta di fatto che è statisticamente provato che avere figli allunga la vita.

I figli spingono a lottare per il futuro
Sul motivo che porta a questa maggiore longevità nelle persone che hanno figli si possono avanzare solo ipotesi. Per le donne, è sicuro che la gravidanza riduce il rischio di ammalarsi di tumore al seno o alle ovaie, frequente causa di decesso nel sesso femminile. Sapere di avere una famiglia che, a casa, aspetta il nostro ritorno e conta su di noi, spinge anche ad avere un comportamento più responsabile nella vita quotidiana, per esempio guidando con maggiore prudenza. Poiché si desidera vivere il più a lungo possibile, anche per provvedere ai figli, è probabile che ci sia una maggiore attenzione allo stile di vita, con alimentazione più sana, meno alcol e fumo. Non dimentichiamo che la sigaretta è la prima causa di morte per tumore del polmone e che sapere di aspettare un bambino è il più forte incentivo a smettere. Forse chi ha figli si sottopone più regolarmente a visite mediche di routine e di screening, individuano per tempo malattie che prese in tempo sono curabili. Anche da ammalati, avere figli spinge a lottare per guarire. Insomma, questa ricerca è un “inno scientifico” alla vita. Certo, la situazione attuale spinge a chiudersi in se stessi, a non sperare più. Eppure i figli sono il segno del futuro che vuole andare avanti. Un tempo erano loro la ricchezza: quando da mangiare c’era solo un pezzo di pane e un piatto di zuppa, le famiglie contavano cinque, sette, dieci figli o anche di più. I figli erano forza lavoro in casa e soprattutto si aiutavano tra loro. Proviamo a pensare a questo. Si possono crescere bene i figli anche con poco. E pazienza, poi, se non hanno un Ipod di ultima generazione per ciascuno.

Giorgia Andretti

- -



Advertising