prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Parlare di sesso con i figli

febbraio 24, 2011 12:46 pm

Spiegare la sessualità ai propri bambini non è facile per mamma e papà. Soprattutto al giorno d’oggi. Qualche libro sul tema, scritto da esperti, può essere di grande aiuto. Non è semplice, in un periodo in cui il corpo (soprattutto femminile) viene sovraesposto in televisione e sui giornali, in cui il linguaggio sessuale è più…

Parlare di sesso con i figli

Spiegare la sessualità ai propri bambini non è facile per mamma e papà. Soprattutto al giorno d’oggi. Qualche libro sul tema, scritto da esperti, può essere di grande aiuto.

Non è semplice, in un periodo in cui il corpo (soprattutto femminile) viene sovraesposto in televisione e sui giornali, in cui il linguaggio sessuale è più che esplicito, affrontare in modo corretto ed equilibrato l’argomento “sesso” con i propri ragazzi. Se però noi genitori ci pensiamo bene, un dialogo franco e aperto con i nostri figli su questo tema può aiutarli ad affrontare in modo più maturo e consapevole certe situazioni, aiutarli a capire che la sessualità è qualcosa di naturale nella natura umana. In questo modo è anche possibile fornire loro gli strumenti per arrivare più preparati all’incontro con il sesso e forse anche a essere più consapevoli di quello che vi è legato: l’amore, il coinvolgimento, ma anche la possibilità di delusioni. Senza contare le malattie sessualmente trasmesse, che sono in aumento anche tra i giovanissimi. Certo, per una mamma e un papà un tema del genere non è mai facile: quali sono le parole giuste, gli esempi da fornire, le raccomandazioni da dare senza risultare bacchettoni o, al contrario, un po’ troppo liberali? Alcuni libri sul tema possono fornirci un aiuto prezioso.

L’identità sessuale del bambino
Lo sviluppo della sessualità umana inizia in realtà con l’intenso contatto fisico dei primi mesi di vita, quando i bebè sono coccolati e abbracciati. È un passaggio essenziale e necessario, perché per la crescita stessa il bambino piccolo ha bisogno del contatto fisico con i genitori. Attraverso questo contatto impara a riconoscere la propria fisicità, a entrare in relazione con se stesso e con gli altri, fino a concepire, in modo molto diverso rispetto a un adulto, la propria identità sessuale di maschietto o di bambina. La sessualità infantile è una delle porte attraverso cui il bambino sviluppa la sua personalità e la relazione con l’affettività. Per questo il piccolo la vive come qualcosa di naturale, per lui è una funzione come tante altre, come mangiare, camminare, leggere o giocare. Il tema deve essere affrontato così: con naturalezza, parole chiare e semplici, per seguire la crescita e con il percorso educativo del bambino.

Educazione sessuale e genitori
Non sempre, al giorno d’oggi, questo percorso di crescita riesce a esplicarsi secondo le modalità più adatte per i più giovani. Le loro esigenze di chiarezza, di semplicità, la necessità di rispettare la ritrosia e il pudore si scontrano con immagini, situazioni e linguaggi esibiti in televisione, sui giornali, nelle gigantografie pubblicitarie. I bambini sono esposti a queste manifestazioni e, poiché non hanno la maturità sufficiente per mediarne i contenuti, ne assorbono solo il carattere diseducativo ed equivoco. L’unica difesa può venire dalla famiglia: i genitori dovrebbero esercitare un ruolo di filtro delle informazioni. È necessario creare e mantenere un canale aperto di comunicazione con i figli, momenti di discussione e di intervento su ciò che è corretto e ciò che non lo è in relazione alla sessualità. Inoltre è bene vigilare da vicino, con discrezione, sull’ambiente e sulle attività dei bambini per fornire loro suggerimenti, per correggerli o incoraggiarli quando sembra opportuno. Se possibile, non si deve perdere occasione per avviare conversazioni sui loro dubbi e sulle loro curiosità. Una sana educazione sessuale è la migliore protezione contro eventuali tentativi di adescamento da parte di molestatori e predatori sessuali.

L’editoria in aiuto
Chi non trovasse le giuste parole per affrontare con i propri figli le tematiche su sesso e sessualità, può ricorrere a qualche libro ad hoc. Oggi ce ne sono di molto validi. Partiamo per esempio dall’Editore Franco Angeli che, per la collana «Educare alla salute», ha pubblicato Mamma, cos’è l’amore? L’amore e la sessualità spiegati ai nostri figli (pp.128, € 18) di Alberto Pellai, medico specialista in educazione alla salute e prevenzione in età evolutiva, nonché ricercatore all’Università degli studi di Milano. È un libro che viene in soccorso di genitori ed educatori alla ricerca delle parole giuste per parlare di sessualità e amore con i bambini. Altro contributo arriva dalla casa editrice Cooper con Come glielo spiego? Guida per educare i nostri ragazzi alla sessualità (pp. 120, €.9) di Lorena Berdùn, tradotta da Elena Vozzi. Un testo che risponde a piccoli-grandi interrogativi, come spiegare cosa sono le mestruazioni a nostra figlia o come comportarsi se accidentalmente sorprendiamo nostro figlio intento nella masturbazione. E per finire il simpatico libro di Educazione sessuale a fumetti di Pierluigi Diano, Casa editrice Ancora (collana Percorsi familiari, pp.80, ill. €12), da sfogliare insieme ai nostri figli (a partire dai 10 anni). Protagonisti di questa striscia a fumetti sono To-Zoo e Citina che guideranno nella ricerca di tante risposte su sessualità e amore, su che cosa c’entra il sesso con gli affetti, sul perché a volte le femmine hanno la luna storta o perché in televisione si parla di certe cose. Arricchito da uno spassosissimo glossario che spiega le parole più difficili.

 

Marina Zenobio

- -



Advertising