prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il Papa spiegato a tutti i bambini, a prescindere che siano cattolici o meno

marzo 27, 2013 9:30 am

I bambini, in questi ultimi giorni, hanno sentito ripetere più volte sia dai media che in famiglia il nome del Papa Jorge Bergoglio, il Papa venuto da lontano e del nome con cui ha scelto di essere chiamato: Francesco.

Sicuramente ai bambini delle elementari l’insegnante di religione deve aver parlato del Papa, di cosa si occupa e da dove arriva questa figura così importante della chiesa cattolica. Tuttavia, mentre in classe alcuni piccoli possono essere riservati e non fare domande, a casa si sbizzarriscono a chiedere tutto e di più. Alcune volte le loro domande, anche se siamo cattolici praticanti o meno oppure apparteniamo ad una spiritualità diversa, possono coglierci impreparati a rispondere, proviamo quindi a fare una piccola storia per rivedere o per conoscere la figura del Papa.

Il Papa è il capo della Chiesa Cattolica
Nel mondo ci sono dei modi di pensare diversi quando parliamo di religione, le più importanti sono le religioni monoteistiche: La Cattolica, l‘Ebraica e l’Islam. Ognuna delle religioni più importanti ha un capo spirituale: l’Islam ha l’Imam, l’Ebraica ha il Rabbino ed il Cattolicesimo ha il Papa. Il capo della chiesa cattolica è quindi il Papa, il quale oltre ad essere il vescovo di Roma è anche il capo di tutti i Cardinali, il capo dello Stato del Vaticano e guida di preghiera per tutti i popoli del mondo che si riconoscono nella religione cattolica.

La storia ha inizio duemila anni fa
Tra i libri storici ritroviamo la figura di Pietro il quale avrebbe avuto l’incarico direttamente da Gesù Cristo di evangelizzare quante più persone possibile e fu così che Pietro inizio la sua opera di diffusione della parola di Dio arrivando fino a Roma, all’epoca capitale di tutto l’impero romano. Sotto il regno dell’imperatore Nerone, nel 65-67 circa, Pietro divulgò la fede e per questo fu martirizzato ed il suo corpo sepolto proprio nel luogo dove ora sorge l’Obelisco nella piazza del Colonnato di San Pietro. Pietro è quindi stato il testimone di Gesù Cristo a Roma e nel mondo, il suo martirio ha segnato l’inizio della Chiesa Cattolica ed è stato il primo Papa della storia, ovvero il primo padre. Ad eleggere il Papa erano tutti gli uomini di fede con il benestare dell’imperatore romano, questo fino al circa l’anno mille quando non vennero più ascoltati i voti dei fedeli ma si iniziò ad eleggere il capo della Chiesa Cattolica solo con i voti dei cardinali riuniti tra loro ed in perfetta segretezza.

Il conclave decide il nuovo Papa
Un Papa resta in carica per tutta la vita, dopo essere stato eletto: quando muore, tutti i cardinali sparsi per il mondo, si riuniscono presso lo Stato del Vaticano per eleggere un nuovo Papa e per far sapere alla popolazione che si è scelto la persona giusta bruciano le schede in una stufa facendo uscire del fumo da un comignolo. Se il fumo è nero, i Cardinali debbono continuare a votare fino a trovare la giusta ispirazione da parte di Dio, quando questa è stata raggiunta, il fumo che uscirà dal comignolo sarà bianco. E’ proprio quello che è accaduto qualche settimana fa, quando è stato scelto il nuovo Capo dello Stato del Vaticano. Il nuovo Papa, il cui nome è Jorge Bergoglio ma lui ha scelto di chiamarsi Papa Francesco, deve essere riconosciuto da tutti gli altri Capi di Stato di tutte le nazioni del mondo, ecco perché sono arrivati a Roma e con una cerimonia ufficiale tutti ne hanno riconosciuto l’autorità sia come capo di uno stato che come capo religioso. Il Papa è infatti il successore di Pietro, il primo uomo delegato da Cristo per guidare il suo popolo.

Lina Rossi

- -



Advertising