prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Sostanze pericolose nella struttura di giocattoli

marzo 28, 2018 1:00 pm

I giocattoli per bambini sono tra gli oggetti più sequestrati per non aderenza alla normativa europea: possono essere tossici o costruiti con parti pericolose per i bimbi più piccoli

Ricordate i fidget spinner, quelle sorte di eliche che girano rapidissime? Sono tra i giocattoli più pericolosi. Rappresentano, infatti, la categoria di prodotti con il maggior numero di segnalazioni tra le 2.201 inviate nel 2017 al sistema europeo di allerta rapida sui prodotti pericolosi non alimentari. E’ quanto emerge dal rapporto annuale sul sistema, presentato dalla commissaria Ue per la tutela dei consumatori Vera Jourova. Oltre ai giocattoli, 29% delle segnalazioni, in cima alla lista dei prodotti pericolosi rilevati e rimossi dai mercati ci sono i veicoli a motore 20%. Per quanto riguarda l’Italia, i giocattoli il 30% sono superati da segnalazioni sulle sostanze chimiche il 40%. Le oltre 2000 segnalazioni di prodotti pericolosi inviate al sistema europeo di allerta rapida sono solo la punta dell’iceberg e i paesi membri dovrebbero aumentare i controlli. Così l’organizzazione europea dei consumatori – Beuc – commenta in una nota i risultati del rapporto 2017 del sistema europeo di allerta rapida sui prodotti pericolosi non alimentari.

 

Che cosa possono fare i genitori

Prima di permettere ad un giocattolo di entrare nelle nostre case dovrebbe essere attuato un controllo a partire dalla scelta concretizzato poi dell’acquisto. I genitori, i nonni, i parenti devono essere consapevoli che scegliere con intelligenza rappresenta la prima sicurezza per i bambini. Ogni giocattolo deve essere contrassegnato dal marchio CE obbligatorio in tutta Europa, il marchio indica che l’articolo è in regola con la normativa europea. I giocattoli che ne sono privi non andrebbero acquistati anche se può rappresentare una forma di risparmio. Vanno inoltre evitati i giocattoli alimentati direttamente con presa elettrica, la preferenza va data a quelli alimentati a batteria. I giocattoli elettrici: trenini, ferri da stiro e forni devono poter funzionare solo con trasformatore esterno con dispositivo salvavita a bassa tensione e devono recare il marchio IMQ dell’Istituto del Marchio di Qualità.

 

Ogni giocattolo è adatto a una fascia di età

I giocattoli di stoffa o di peluche devono portare il marchio CE, non devono essere infiammabili e non avere parti, occhi e bottoni, che possono staccarsi, il bambino potrebbe ingerirli. Niente giochi con punte, bordi taglienti o in plastica che, se si rompe, può rischiare di ferire.  I giocattoli meccanici devono avere ingranaggi protetti e non accessibili al bambino che potrebbe ferirsi con essi. Le armi-giocattolo vanno bene solo per i bambini più grandi, che le sanno usare con buon senso perché anche un proiettile in gommapiuma può fare del male, inoltre le cariche devono essere del tipo omologato. Tende, casette in tela, castelli finti in stoffa non devono avere chiusure automatiche ad esempio: cerniere lampo o pulsanti a pressione perché i bambini potrebbero non riuscire più a uscire. Devono essere stabili, con i sistemi di sostegno di plastica, leggeri e facili da montare. La confezione deve essere completa di istruzioni in lingua italiana sulle modalità di montaggio e di utilizzo.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI