prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Farmaci in viaggio, cosa mettere nella borsa

luglio 26, 2017 10:00 am

Cerotti e disinfettanti, garze e qualche volta antibiotici: anche in vacanza si possono verificare piccoli infortuni, è necessario portare anche in viaggio un kit tra farmaci, bende e disinfettanti

Si spera sempre che in vacanza non capitino imprevisti, soprattutto se spiacevoli come un accesso di febbre, una ferita, una sbucciatura a un ginocchio. Purtroppo qualche inconveniente si può verificare, agli adulti e soprattutto ai bambini, tra giochi e corse possono cadere e farsi male, oppure essere soggetti a una forma influenzale estiva. Nessun problema se ci si reca nella solita località di marea o di montagna, dove sappiamo per certo di trovare la piccola farmacia aperta a orari fissi. Se però le vacanze sono in un posto tutto nuovo, oppure si va in campeggio o all’estero, è essenziale avere con sé un piccolo kit per il pronto soccorso.

 

I farmaci da assumere sempre

Non ci si deve ovviamente dimenticare dei farmaci da assumere sempre, per particolari esigenze o patologie. Ne sono esempio la pillola contraccettiva per la donna adulta ma anche per le ragazze giovani, l’insulina con gli infusori se si soffre di diabete, anche i semplici antibiotici se la partenza coincide con la terapia antibiotica che sta facendo nostro figlio. In questi casi è bene assicurarsi che i farmaci siano trasportati in sicurezza, senza subire sbalzi di temperatura come quelli che si possono verificare in auto al sole, nella stiva di un traghetto che raggiunge un calore molto elevato oppure, al contrario, nel deposito bagagli dell’aereo, dove si raggiungono troppi gradi sotto lo zero. Per questa ragione i farmaci andrebbero inseriti in una busta di plastica trasparente, in modo che ai controlli aeroportuali il personale possa effettuare le verifiche di legge. La busta andrebbe poi inserita in una borsa termica e tenuta con sé, in cabina a temperatura ambiente.

 

Altri farmaci necessari

Oltre ai farmaci per il trattamenti specifici è opportuno avere con sé qualche prodotto per il pronto intervento.  Quindi servono cerotti, garze sterili, il cotone  idrofilo non va utilizzato: lascia le fibre nelle ferite, un disinfettante che non bruci, anche in forma di salviette da portare sempre con sé. Serve qualche disinfettante intestinale come i fermenti lattici e una busta di soluzione salina contro la dissenteria così frequente in estate. Non deve mancare un antidolorifico da banco, per esempio a base di paracetamolo, va bene per tutta la famiglia, anche per i bambini piccoli e per le donne in gravidanza, è utile un po’ per tutto, dalla febbre al mal di testa, al mal di denti. Sì anche a gocce oculari decongestionanti. Ovviamente non possono mancare i solari, per viso e labbra, i repellenti per gli insetti e, dopo averne parlato con il medico, un antibiotico ad ampio spettro, da usare solo in caso di necessità. In caso di malesseri da viaggio è bene avere con sé i prodotti antinausea oppure i bracciali: funzionano con il principio dell’acupressione.

 

Anche per gli animali domestici

Se si ha un animale domestico, ci si deve ricordare che è sempre utile avere con sé un certificato di buona salute, oltre ai suoi farmaci. I cani, per esempio, devono assumere antiparassitari esterni ed interni e possono avere disturbi intestinali, quindi un astringente specifico è necessario, per sicurezza, oltre a gocce oculari, vanno bene quelle usa e getta, perché il caldo e il sole possono irritare gli occhi del nostro amico a quattro zampe. Inoltre, anche per il pet è opportuno avere con sé un antibiotico, può essere utile in caso di infiammazioni ai denti o alle ghiandole anali, malesseri che non sempre si possono mettere in conto. Per qualsiasi dubbio si può chiedere al veterinario.

 

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI