prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Scherma, nuoto, tennis, ogni disciplina va bene l’importante è praticare uno sport

agosto 30, 2012 2:18 pm

Lo sport se praticato regolarmente, regala armonia al corpo ed alla mente. Per avviare i bambini ad una pratica sportiva è importante valutare, oltre alle loro aspirazioni, la predisposizione fisica e psichica .

Le Olimpiadi appena trascorse ci hanno fatto vivere lo sport come l’attività principe a cui avviare i nostri figli. Cerchiamo di capire come la scuola può venire incontro alle esigenze sportive. Da un’indagine condotta tempo fa è emerso che moltissimi istituti pubblici non hanno uno spazio, al chiuso o all’aperto, dove proporre una o più disciplina sportiva agli studenti. Alcune scuole sono dotate di una palestra ma frequentarla può rappresentare un rischio da quanto sono trascurate anche se l’eccellenza esiste. In alcune scuole la palestra c’è, in alcuni rari casi ce ne sono due e solo in qualche istituto c’è la piscina.

In Italia, poco tempo per lo sport
Nel nostro paese, considerato, a ragione, paese “pigro” e mediterraneo, al moto non viene dedicata ancora abbastanza attenzione. Infatti, il tempo dedicato al movimento è insufficiente: una o al massimo due ore alla settimana. Non c’è ancora sufficiente consapevolezza dell’utilità che lo sport ha sul fisico e quindi sulla psiche dei ragazzini, nonostante gli inviti da parte dei pediatri e dei medici dello sport a farli muovere il più possibile. La sedentarietà è alleata dell’obesità e di tutte le malattie che ne conseguono: a farne le spese sono soprattutto gli strati più deboli della società. I figli di coloro che, per mancanza di mezzi economici non hanno la possibilità di iscrivere i propri figli a una costosa attività pomeridiana ne sono largamente penalizzati. La scuola dovrebbe avere come obiettivo formativo non soltanto la cultura della mente ma anche la cultura del corpo affinché tutti i ragazzi di qualsiasi ceto possa usufruire della possibilità di frequentare uno sport all’interno dell’istituto scolastico.

Come scegliere lo sport giusto
In ogni caso è essenziale che i nostri figli pratichino almeno un’attività sportiva durante la settimana: oltre a tenerli attivi, combattendo lo stress della scuola e il sovrappeso, fare dello sport diverte, favorisce la socializzazione oltre alla maturazione del sistema immunitario, aiutando i nostri piccoli a trovare nuovi amici. Tutto questo non può che fare bene. Nelle città, l’offerta di luoghi dove fare sport non manca: ci sono palestre, campi da tennis, da calcio e piscine. Molti centri sono legati agli oratori e la loro “filosofia” consente di contenere il costo delle iscrizioni. Per avere una buona offerta e, al tempo stesso, contare su istruttori validi, è anche possibile rivolgersi ad associazioni onlus che propongono sport a livello democratico e a prezzi più ragionevoli. È importante, ovviamente, che nostro figlio sia d’accordo sull’opportunità di fare dello sport. Deve esserne felice e non prenderlo come un obbligo, ma come un gioco piacevole: alla sua età lo sport deve essere soprattutto questo.

Come scegliere l’attività giusta
I bimbi possono iniziare a muoversi fin da piccolissimi: nell’età della materna, dai tre anni in su, possono frequentare un corso di psicomotricità, attività ludico-motoria per favorire la coordinazione dei movimenti e la padronanza del corpo nello spazio, attraverso gli esercizi a corpo libero o con attrezzi leggeri. A questa età vanno bene anche il nuoto, con i braccioli ovviamente, per prendere confidenza con l’acqua e il pattinaggio a rotelle o sul ghiaccio, oltre a essere attività divertenti, sviluppano in modo armonico la muscolatura e fanno maturare l’equilibrio. Le vere attività sportive possono essere avviate dai sette anni in poi: i maschietti possono iniziare calcio, attenzione all’eccessiva competitività e mini basket. Le bimbe possono orientarsi su pallavolo, danza, ginnastica artistica o ritmica. Per il tennis o le arti marziali – consigliati a tutti e due i sessi – è bene attendere verso gli otto – nove anni e rivolgersi sempre a istruttori qualificati.
Conosciamo le varie discipline:
Triathlon
Nuoto
Sci 
Judo
Calcio
Scherma
Rugby
Lo sport aiuta a crescere sani

Sahalima Giovannini

- -



Advertising