prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Scuola, come iscriversi al nuovo anno 2018-2019

gennaio 9, 2018 10:00 am

Tra pochi giorni saranno aperte le iscrizioni online al nuovo anno scolastico: ecco come procedere per iscriversi collegandosi al sito del MIUR o direttamente dal nostro sito

Ci stiamo avvicinando al 16 gennaio, giorno dal quale partiranno le iscrizioni al ciclo successivo di percorso scolastico per i nostri bambini e ragazzi. Ci si potrà iscrivere dal 16 gennaio alle 8 del mattino, fino al 6 febbraio 2018, alle ore 20. L’iscrizione vale solo per gli alunni che iniziano un nuovo ciclo: cioè, quelli che frequentano l’ultimo anno della scuola per l’infanzia e passano alla primaria, oppure dalla primaria devono iscriversi in prima media, oggi chiamata secondaria di primo grado o ancora, da quest’ultima, devono scegliere la scuola superiore, che oggi viene definita secondaria di secondo grado.

 

Primo passo: fare la registrazione

Dalle ore 9.00 del 9 gennaio si potrà già iniziare a fare la registrazione, ma proseguirà anch’essa fino al 6 febbraio. Le iscrizioni vere e proprie partiranno dal 16 gennaio alle ore 8 e l’intera procedura, completa di iscrizione, dovrà concludersi entro le ore 20.00 del 6 febbraio 2018. Le iscrizioni on line riguardano anche i corsi di istruzione e formazione dei Centri di formazione professionale regionali per le Regioni che hanno aderito. Per le scuole dell’infanzia la procedura è invece ancora cartacea: ci si deve rivolgere alle segreterie. L’adesione delle scuole paritarie al sistema delle -Iscrizioni on line – resta sempre facoltativa. Prima di tutto ci si deve connettere dal proprio computer oppure da uno di un amico, da un centro pubblico o da un patronato al portale www.iscrizioni.istruzione.it.

Chi ha un’identità digitale SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale – potrà accedere con le credenziali del gestore che ha rilasciato l’identità. Si devono quindi seguire le procedure fino a quando verrà rilasciata una password che servirà per la successiva iscrizione. Senza password non è possibile iscriversi. Inoltre è necessario avere in mente la scuola alla quale si intende iscrivere il proprio figlio, si trova nel portale – Scuola in Chiaro –   raccoglie i profili di tutte le scuole italiane. Su questo portale si possono trovare informazioni importanti ai fini della scelta, come l’organizzazione del curricolo, l’orario, il piano di offerta formativa, agli esiti degli studenti e ai risultati a distanza e altro ancora.

 

Da sapere per le varie scuole

I genitori possono iscrivere alla prima classe della scuola primaria le bambine e i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre 2018. Si possono iscrivere anche i bambini che compiono sei anni dopo il 31 dicembre 2018 e comunque entro il 30 aprile 2019. Non è consentita, anche in presenza di disponibilità di posti, l’iscrizione alla prima classe della primaria di bambine e bambini che compiono i sei anni successivamente al 30 aprile 2019. È possibile indicare un massimo di due scuole come preferenza. Per quanto riguarda l’iscrizione alla Secondaria di I grado, i genitori esprimono le proprie scelte per l’orario settimanale che può essere di 30 oppure 36 ore, elevabili fino a 40, tempo prolungato, in presenza di servizi e strutture idonee. In subordine alla scuola che costituisce la prima scelta, è possibile indicare fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento. Per l’iscrizione alle prime classi a indirizzo musicale, i genitori devono barrare l’apposita casella del modulo di domanda di iscrizione on line. Nella domanda di iscrizione on line alla prima classe di una scuola secondaria di secondo grado statale, i genitori esprimono anche la scelta dell’indirizzo di studio. Oltre alla scuola di prima scelta è possibile indicare, in subordine, fino a un massimo di altre due scuole di proprio gradimento.

Altre indicazioni al sito http://www.istruzione.it/iscrizionionline/

 

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI