prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il nostro menù del giorno 10_08_2018

agosto 10, 2018 6:45 am

Ma come si sceglie un buon cocomero o anguria? Ovviamente per essere buono deve essere maturo. Nella scelta bisogna lasciarsi guidare da alcune piccole regole:

Il cocomero deve essere totalmente integro e privo di ammaccature e tagli. Bisogna andare alla ricerca di una piccola macchia gialla, attenzione non bianca ma gialla sul fondo. Questo è il segno che il cocomero è maturo. Inoltre, un cocomero maturo è pesante rispetto alla sua grandezza e quado lo si colpisce con un pugnetto, come quando si bussa alla porta, dovrebbe sembrare vuoto.

Una piccola accortezza igienica, prima di affondare il coltello nel cocomero per tagliarlo a fette, è bene lavare la spessa buccia. In genere i cocomeri vengono trasportati con i camion scoperti e per bene che vada vengono adagiati in terra, bene… la buccia può raccogliere un bel part-terre di microbi e di certo non vorreste mai che il coltello trasferisca alcuni di questi germi nella polpa del cocomero. Dopo averlo tagliato si può conservare in frigo per 5 giorni oppure si taglia a cubetti e si congela, quando ne abbiamo voglia ne tiriamo fuori un po’ per farne un buon frullato.

E’ tempo di preparare la tavola: oggi una bella insalata di quinoa alla messicana per pranzo per un pH di 6  e per cena  crema di ceci con gamberi, pH  totale di 5,9

Zia Vittoria

 

Colazione: Kiwi mirtilli e melone giallo  –  Una tazza di tè

Break: Pain d’epices – Pane al miele

Pranzo: Insalata di Quinoa alla messicana

Break: Arance per uno snack veloce – ed una tazza di tè

Cena: Crema di ceci con gamberi e totani 

 

e… se stiamo svezzando il bambino  Pappe dagli 8 mesi

Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

- -


ARTICOLI CORRELATI