prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il nostro menù del giorno 06_03_2018

marzo 6, 2018 6:45 am

Non sapevo che la pasta integrale ha una sua disciplina, la produzione è infatti regolamentata dal DPR 187 del 2001 e cita le caratteristiche della pasta di semola integrale di grano duro. Bè, buono a sapersi. Quindi la pasta integrale è prodotta con solo due ingredienti: acqua e semola integrale di grano duro. E’ poi il processo della lavorazione che fa la differenza: l’impasto viene prima trafilato, poi laminato ed infine essiccato nelle varie forme.

Ci sono poi le paste integrali realizzate con grano tenero, ad esempio la pasta prodotta con la farina di farro e con la farina di avena. Le farine non integrali sono quelle alle quali viene eliminata la parte esterna del chicco: la crusca, eco perché si chiamano le farine bianche o raffinate, perché sono private della parte fibrosa del cereale. Ci sono poi delle farine integrali che per conferirgli un gusto particolare viene aggiunta la farina di semi di lino. Insomma sono tante le novità della pasta integrale. Quello che bisogna sapere però è che le farine integrali, proprio perché ricche di fibre stimolano a bere più acqua, in questo modo ci sarà meno probabilità di sviluppare del gas intestinale e sentire così la pancia gonfia.

E’ già ora del pranzo, oggi cucinerò della pasta integrale: penne al pomodoro con ricotta salata per un pH di 5.4 e pollo alla soia e curcuma con un pH di 5,5.

Zia Vittoria

 

Colazione: Arancia kiwi e fiocchi di avena e yogurt – Una tazza di tè

Break: Sandwich alle carote

Pranzo: Penne al pomodoro e ricotta salata

BreakPlum-cake gluten free con semi di chia – ed una tazza di tè

Cena: Pollo alla soia e curcuma

 

e… se stiamo svezzando il bambino  Pappe dagli 8 mesi

Le porzioni da mettere nel piatto: a peso o a misura? Ecco cosa preferire

- -


ARTICOLI CORRELATI