prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Il nostro menù del giorno 17_02_2017

febbraio 17, 2017 7:45 am

E per finire il discorso sulle motivazioni dell’inappetenza, ancora un paio di cosette: può essere uno dei sintomi del diabete, delle gastroenteriti e per finire, dell’invecchiamento, quello che mi riguarda direttamente. Diabete – se non è gestito bene, l’elevata quantità di zucchero nel sangue può danneggiare uno qualsiasi dei nervi del nostro corpo o un…

E per finire il discorso sulle motivazioni dell’inappetenza, ancora un paio di cosette: può essere uno dei sintomi del diabete, delle gastroenteriti e per finire, dell’invecchiamento, quello che mi riguarda direttamente.

Diabete – se non è gestito bene, l’elevata quantità di zucchero nel sangue può danneggiare uno qualsiasi dei nervi del nostro corpo o un gruppo specifico. Uno di questi nervi potrebbe essere il nervo vago, quello che controlla i muscoli dello stomaco. Quando questo nervo non funziona come dovrebbe, il cibo  transita  più lentamente nel tratto gastrointestinale provocando una gastroparesi. Questa condizione può provocare una perdita di appetito e gonfiore. Per risolvere questo problema è necessario intervenire sia sulla dieta alimentare sia sui f armaci specifici.

Gastroenteriti – possono essere di tipo virale, batterico o parassitario. Il sintomo principale è la nausea, la diarrea e  i crampi e sicuramente la cosa che meno di tutti si ha voglia, è di mangiare. Una volta che la nausea va via, si può iniziare a mangiare banane, riso, o carote e patate al vapore. E’ necessario però bere molti liquidi per rimanere idratati. E per finire:

Invecchiamento – con l’avanzare degli anni si ha meno di un appetito rispetto al passato. Con l’età, la digestione rallenta, quindi ci si sente pieni più a lungo. I sensi che sostengono l’alimentazione come l’olfatto, il gusto o la visione possono essere meno sensibili   e questo rende meno attraente il cibo. Tutto questo unito anche ai cambiamenti ormonali e alcuni farmaci, possono rendere meno intenso il desiderio della fame.

Oggi  zuppa di cavolfiore e formaggio  per un pH di 5,8 e filetti di nasello con verdure allo zafferano per un valore del pH 6.

Zia Vittoria

 

Colazione: Kiwi, ananas e fiocchi di latte –  Una  tazza di tè

Break:  Mele per uno snack veloce

Pranzo:  Zuppa di cavolfiore e formaggio

BreakSandwich alle carote   –  una tazza di tè

Cena: Filetti di nasello ai pomodori e limone  –  Ortaggi allo zafferano   

- -


ARTICOLI CORRELATI