prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Giocattoli, quando sono troppi rendono i bambini meno creativi

gennaio 4, 2018 9:53 am

Avere tanti giocattoli tutti insieme mette allegria, ma possono limitare la creatività dei bambini non sono, infatti, stimolati a immaginare nulla di nuovo. Proviamo quindi a limitare i giocattoli

Niente da fare: anche quest’anno i nostri bambini hanno ricevuto da Babbo Natale troppi giocattoli, addirittura più di quelli chiesto nella letterina. Un po’ è colpa di noi genitori, ma come spesso succede è difficile arginare la generosità di nonni, zii, amici e colleghi vari, ciascuno dei quali ha pensato a un giocattolino. E devono ancora arrivare i regali della Befana, che difficilmente si limiteranno a qualche caramella. Eppure, almeno per l’anno prossimo facciamo la promessa di limitare un po’ i doni di Babbo Natale. Secondo alcuni ricercatori, avere troppi giochi attorno a sé limita la creatività dei bambini.

 

Troppi giocattoli, poca creatività

Per la creatività, i bambini dovrebbero avere a disposizione pochi giocattoli. Il consiglio arriva da uno studio dell’università statunitense di Toledo, in Ohio, pubblicato su Infant Behavior and Development, sostiene che i bambini siano più portati a esplorare tutti i possibili usi di un gioco, se ne ha a disposizione in numero limitato. L’esperimento è stato condotto su 36 bambini tra i diciotto e trenta mesi di età, tra cui nove maschi e ventisette femmine. Tutti sono stati impegnati in due sessioni di gioco, una con quattro giocattoli a disposizione e l’altra con sedici. I giochi erano tutti stati scelti nelle quattro diverse categorie, educazionali, travestimenti, azione e veicoli. Gli esperti hanno notato che, con meno giochi a disposizione, i bambini giocavano più a lungo con i singoli oggetti. Erano portati a esplorarli più a fondo, dedicando maggiore attenzione a ciascuno di essi e anche a inventare storie, azioni, racconti con i giocattoli stessi. Al contrario, avere troppi giochi spinge a dedicare ad essi meno attenzione e ad instaurare con essi anche un rapporto più superficiale.

 

Impariamo a limitare i regali

In effetti, è sufficiente guardare i bambini che non dispongono di alcun giocattolo per vedere come la loro fantasia si scatena. Uno scatolone può essere trasformato in un nascondiglio dei banditi, in un castello delle principesse, nell’astronave dello spazio: basta qualche pennarello e il gioco è fatto. Un oggetto senza forma può essere modellato a proprio piacimento, mentre un robot che cammina, parla, emette luce e fa tutto da solo non riesce a esaurire il piacere di scoprire, di inventare, di sfogare la fantasia. Se però ormai la frittata è fatta e la stanza dei nostri figli, già piena fino all’inverosimile, mostra almeno dieci nuove scatole di giochi, è il momento di correre ai ripari. Troviamo il coraggio di chiudere in un armadio i giocattoli ai quali i bambini dedicano meno attenzione. Loro non se ne accorgeranno, così potranno essere tirati fuori, centellinandoli, tra qualche settimana, uno per volta, quando sarà il momento di nascondere gli altri. Con uno o due soli giochi a disposizione il piccolo sarà meno distratto e li esplorerà più a fondo, scoprendo tutte le loro funzioni senza annoiarsi. Per il futuro teniamo a mente che un gioco troppo perfetto o troppo elaborato è decisamente meno divertente di una semplice scatola di costruzioni.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI