prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Sonno nei bambini, a ogni età le ore giuste

maggio 10, 2017 10:00 am

Il bisogno di dormire è diverso per ogni fascia di età: dai neonati fino all’età super adulta. Indipendentemente dalle ore di sonno necessarie, i tempi giusti vanno sempre rispettati.

Il sonno è la prima necessità vitale esattamente come il bere e mangiare. Dormire poco e male causa problemi a ogni età. Durante l’infanzia i bambini con difficoltà a dormire sono irritabili e possono avere problemi di apprendimento, mentre in adolescenza le difficoltà maggiori sono a livello di concentrazione con il conseguente calo nella resa cognitiva, in altre parole in quella scolastica. È necessario impostare buone abitudini di igiene del sonno: una volta apprese nei primi anni di vita e in adolescenza, queste sono mantenute anche in età adulte e poi da anziani, quando dormire poco significa avviarsi a problemi cardiovascolari.

 

Quanto deve dormire un  bambino

Il fabbisogno di sonno varia secondo le età. È più elevato nei primissimi mesi di vita, quando un neonato dorme anche venti ore il giorno. Molto alta è anche l’esigenza di riposo tra i quattro e dodici mesi, quando il bambino è più regolare rispetto al periodo dopo la nascita, poiché concentra la maggior parte del sonno nelle ore notturne e fa alcuni sonnellini durante il giorno: due il mattino e due al pomeriggio fino ai sei mesi, quindi fino all’anno uno il mattino e due al pomeriggio e poi uno al mattino e uno nel pomeriggio fino a quindici mesi. Dopo questa età di solito si perde l’esigenza del sonnellino al mattino e ne basta uno al pomeriggio. Il sonno notturno si fa via via più regolare e con meno interruzioni. Arrivati ai tre anni di età, anche per via dell’ingresso alla scuola per l’infanzia, quasi tutti i bambini smettono di dormire nel pomeriggio. In alcune situazioni, però, per esempio nel fine settimana o nei mesi più caldi, un sonnellino di un’oretta è consigliabile a queste età e anche oltre, per recuperare dalle fatiche diurne e stare in relax nelle ore più calde. All’epoca della scuola primaria le ore di sonno necessarie sono 10-11 per notte, mentre alle medie si dovrebbero dormire 9-10 ore, comunque non meno di nove. Anche alle superiori il fabbisogno di sonno è sulle 8-9 ore e non si dovrebbe scendere al di sotto di questa quantità, per garantirsi la necessaria rigenerazione neuronale che avviene con le varie fasi del sonno.

 

Le buone regole per riposare bene

Le necessità di sonno  sono state stabilite anche dai Center for Diseases Control americani. Le cause che rendono difficile il riposo variano secondo le età. I bambini molti piccoli, di età prescolare, possono risentire di eccessiva stanchezza e nervosismo, per esempio giochi molto vivaci prima di andare a letto, letture poco rassicuranti o visione di programmi che possono preoccuparli o spaventarli. I bambini della primaria a queste stesse cause aggiungono eventuali preoccupazioni per la scuola, per ragioni famigliari o per litigi con gli amici. Dalle medie in poi, una frequente causa di insonnia è l’uso dello smartphone: i ragazzini che passano troppo sul video faticano a prendere sonno e poi a riposare bene perché la luce led  emanata dallo schermo altera i ritmi circadiani del sonno. Ecco allora quali sono, secondo i CDC, le sei buone abitudini per dormire bene a ogni età:

  • Regolarità, andare a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora, anche nei fine settimana.
  • La camera da letto deve essere scura ma, non immersa nel buio pesto, soprattutto per i più piccoli è consigliabile una luce di cortesia, rilassante, quieta e con una temperatura confortevole, 18/19°.
  • Evitare i pasti pesanti  e le bevande a base di tè e cola, nel pasto serale.
  • Mantenersi attivi e fare dell’esercizio durante il giorno, non oltre le ore 18: in questo modo il fisico si affatica ma poi c’è tutto il tempo per rilassarsi.
  • Eliminare nella camera da letto apparecchi elettrici come tv, PC e soprattutto smartphone.
  • Per rilassarsi a tutte le età non c’è nulla di meglio di un bel libro, come quelli consigliati da guidagenitori.it

 

Giorgia Andretti

- -


ARTICOLI CORRELATI