prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Obiettivo salute: quattro regole da mettere in pratica

luglio 15, 2016 9:25 am

Approfittiamo dei mesi estivi per costruire un insieme di regole, da far valere per il resto dell’anno, utili al benessere di tutta la famiglia: cibo, bevande, movimento e monitor.

Sempre più spesso la causa di molti problemi psicofisici degli adolescenti e adulti viene attribuita al tipo di alimentazione e questo fin dalla primissima infanzia. In questi ultimi anni abbiamo fatto la conoscenza con il microbiota, l’insieme dei batteri buoni con la funzione di utilizzare nel modo migliore i nutrienti a tutto vantaggio del benessere.  Allo stesso modo sappiamo quanto sia importante  il moto, non solo come sport ma come movimento puro al fine di mantenere il sistema muscolo-scheletrico in buon stato. Per terminare, è importante mettere un limite di tempo a qualsiasi monitor accessibile ai bambini e adolescenti, l’uso eccessivo di device tecnologici può condurre i ragazzini  oltre all’isolamento sociale al disinteresse della realtà in cui sono immersi. Iniziare a mettere in pratica alcune semplici regole da seguire sarà il primo passo verso la costruzione della buona salute psico-fisica di tutta la famiglia.

Alimentazione: fonte di benessere
Le preferenze alimentari iniziano a svilupparsi durante l’infanzia, ecco perché è così importante offrire ai bambini scelte alimentari sane. Lo sviluppo del gusto e delle preferenze in fatto di cibi si acquistano con lo svezzamento e vengono successivamente mantenute dalle abitudini alimentari della famiglia, saranno queste ad accompagnarci per tutta la vita. E’ quindi importante costruire un sano rapporto con il cibo creando una routine tra tutti i nutrienti a disposizione. La rubrica di Zia Vittoria sarà sicuramente di aiuto a costruire una sana programmazione alimentare, l’ulteriore passo da fare è coinvolgere i bambini attraverso l’esperienza sensoriale: far odorare e  gustare il cibo. L’obiettivo del mangiare non deve solo ed unicamente soddisfare il bisogno della fame ma anche quello di soddisfare i bisogni nutrizionali con tutti gli elementi necessari al benessere: vitamine, aminoacidi e sali minerali.

Bevande: acqua e latte le scelte migliori
Qualsiasi liquido viene introdotto sotto forma di bevanda, nutre il corpo. I bambini di solito hanno sete dopo aver giocato o immediatamente dopo aver mangiato è bene quindi fare attenzione a cosa viene loro offerto per placare la sete. L’acqua  è  l’alimento migliore da offrire ai bambini in ogni momento della giornata, oltre ad idratare, garantisce una serie di oligoelementi in essa disciolti e, soprattutto, ha zero calorie, quindi è sempre e comunque da preferire.  E’ bene quindi offrire  ai bambini solo ed esclusivamente acqua, in questo modo si abitueranno da subito a togliere la sete con l’unica bevanda utile. L’ulteriore bevanda ammessa,  non per togliere la sete, ma come alimento completo è il latte a patto che sia del tipo parzialmente scremato. Il latte è ricco di calcio e di altri importanti nutrienti ed è adatto ai bambini ed agli adolescenti quando il corpo è impegnato nella fase della crescita e dello sviluppo. Dovrebbero essere vietati tutti i succhi di frutta, oltre ai conservanti sono ricchi di zuccheri aggiunti innalzando così pericolosamente il contenuto nel sangue stressando il pancreas a produrre più insulina con il conseguente sviluppo del diabete. Quando la sete arriva  prepotente la migliore alleata è l’acqua.

Limitare l’uso di tv, computer e dispositivi mobili
TV, video, DVD, computer, tablet, videogiochi e cellulari appartengono alla famiglia dei device o monitor, ebbene il tempo dedicato a questi dispositivi deve necessariamente essere limitato. Il tempo non deve essere più di due ore al giorno suddiviso a sua volta in quattro trance di 30 minuti  ciascuna al massimo. Ai bambini al di sotto dei due anni non dovrebbe essere permesso nessun device. Inoltre,  non dovrebbe essere concesso mai un device durante i pasti, i bambini devono essere concentrati su cosa stanno mangiando e non essere distratti, in questo modo non riescono a mettere in relazione il gusto con l’alimento che stanno mangiando. I bambini hanno bisogno di imparare le regole fondamentali della vita e quindi, si mangia stando seduti a tavola in modo  composto e interagendo con gli altri commensali, è una forma di educazione e di rispetto reciproco tra tutti i componenti della famiglia.

Il movimento aiuta a crescere in modo equilibrato
Il movimento ha inizio con il  concepimento e continua, tra fasi evolutive ed involutive per tutta la vita. Il sistema motorio  impiega circa quindici mesi per diventare  efficace,  la sua completa attivazione è dovuta  alla complessità dei rapporti che devono attivarsi tra le aree cerebrali  specifiche e la costruzione dei circuiti neuronali. I circuiti neuronali resteranno a livello basico ma se stimolati, come avviene nella pratica sportiva, potranno migliorare nelle varie performance. La pratica sportiva indubbiamente è di aiuto nei ragazzini, oltre che fisicamente, a livello sociale stimolando i rapporti di amicizia, lealtà e l’autostima. In questi mesi estivi stimoliamo soprattutto il gioco, è l’attività motoria primaria in aggiunta al camminare e salire e scendere le scale. E’ quindi opportuno costruire un programma d’azione a cui tutta la famiglia dovrebbe dedicarsi e nello specifico:

  • Evitare gli ascensori fino al terzo piano, salire e scendere le scale è un ottimo esercizio per mantenere le articolazioni in perfetto sincronismo;
  • Parcheggiare sempre la macchina almeno centro metri distante dalla meta da raggiungere, camminare è il migliore attivatore della circolazione sanguigna;
  • Stimolare tutti i giochi che comportano movimento: con la palla, la corda, racchettoni, pattini, bicicletta e tutto ciò che porta a muovere i muscoli.

Per rinforzare i risultati raggiunti dalla vostra famiglia, anche se piccolissimi, condivideteli: scattate foto dei vari obiettivi e pubblicateli sul nostro forum oppure dove più facile  condividerli. La vostra storia potrebbe essere utile ed ispirare altri genitori ad imitare i vostri successi.

Dott.ssa Rosalba Trabalzini
Responsabile Scientifico di Guidagenitori.it

- -


ARTICOLI CORRELATI